logo san paolo
domenica 14 agosto 2022
 
dossier
 

Una task force per i più vulnerabili

16/05/2015  Caritas sta distribuendo migliaia di tende e teloni, generi di prima necessità. Intanto, anche la task force dei Camilliani è operativa, divisa in quattro gruppi di intervento. Un ospedale da campo è stato aperto per assistere un’area abitata da 200 mila persone.

Caritas e Famiglia Cristiana lanciano insieme una campagna di solidarietà per sostenere la popolazione del Nepal colpita dal terremoto. La rete Caritas si è mobilitata immediatamente, fin dalle prime ore dopo il sisma, e il contributo messo a disposizione ha già superato i 3 milioni di euro.

Sono state distribuite 10.000 tende e 3.000 teloni ed è sul posto un team di 12 persone che accompagna e supporta il lavoro della Caritas nepalese nell’emergenza. «Nonostante le enormi difficoltà di accesso, i nostri operatori hanno potuto raggiungere quattro distretti fuori da Katmandu: Gorkha, Sindapalchowk, Nuwakot e Kavre», spiega Lilian Chan, di Caritas Australia, che fa parte del team a supporto. «Intanto prosegue anche la distribuzione di generi di prima necessità nella capitale, in particolare acqua, cibo, teloni e tende per ripari temporanei. Continua a piovere e l’esigenza di ripararsi resta una priorità per i tanti sfollati ancora in strada”.

Quattro team medico-sanitari sono in azione, fra mille difficoltà

Proseguono frane e smottamenti, anche a causa del maltempo e della seconda violenza scossa che ha colpito il Paese. In stretto collegamento con i volontari di Caritas è in azione anche un team d’emergenza dei padri camilliani, giunti sul posto a sole 48 ore dal sisma.

«I confratelli indiani», dice
padre Gianfranco Lunardon, segretario generale, «sono partiti subito. I loro occhi hanno visto tanta distruzione. Sono stati divisi, sotto il coordinamento di Caritas, in quattro gruppi con l'obiettivo di rispondere ai bisogni immediati dei villaggi limitrofi a Katmandu. Ci raccontano di strade impossibili, di lunghe marce forzate per raggiungere villaggi distrutti, di richieste di cibo e medicinali. In particolare nelle zone di Barpak e Iarpak molto vicine all'epicentro del terremoto, sono state distrutte oltre i due terzi delle case portando dolore e disperazione».

Con 30 chili di riso si nutre una famiglia per un mese

  

La Task Force dei camilliani nell'immediato aprirà un ospedale da campo a servizio di una zona in cui vivono circa 200 mila persone. «Ci occuperemo di curare i malati», aggiunge padre Lunardon, «ma soprattutto di evitare le probabili epidemie che di solito accompagnano grandi tragedie come questa».

Caritas e Famiglia Cristiana lanciano un forte appello per aiutare a superare l’emergenza. Con 25 euro si possono fornire alimenti liofilizzati per una famiglia per un mese; con 10 euro si può assicurare acqua per una settimana oppure una tenda per ospitare tre famiglie, o ancora 30 chili di riso, sufficienti per alimentare per un mese un intero nucleo familiare.

Multimedia
Emergenza Nepal, le macerie, gli sfollati, gli aiuti. E' l'ora della solidarietà
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo