Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 
vetrina onlus
 

Un atto di amore che vivrà per sempre

20/10/2023  Ti piacerebbe avere la certezza di lasciare qualcosa di buono a questo mondo?

Ricordare, insieme ai propri cari, anche una organizzazione umanitaria come UNHCR con un lascito nel proprio testamento, è un atto concreto di amore e di responsabilità verso altri esseri umani che hanno subito l’orrore della guerra.

Destinando anche una piccola parte di ciò che possiedi per aiutare donne, uomini e bambini in fuga dai conflitti e dalla violenza, regalerai una speranza di vita a tanti e un futuro migliore all’umanità e farai sì che i valori che hanno guidato la tua vita vivano per sempre.

Per 6 Italiani su 10 fare un lascito solidale ad una organizzazione che salva vite umane rappresenta un modo concreto di cambiare il mondo.

Chiedici maggiori informazioni su come fare un lascito ad UNHCR


 

Paola lo ha fatto: ecco la sua storia

Lascito testamentario, la scelta di Paola

 

Paola ha scelto di destinare ad UNHCR un lascito nel suo testamento.

Mi ha sempre coinvolto emotivamente il lavoro di UNHCR, perché sono consapevole che quello delle persone in fuga da guerra e violenza sia sempre di più un gravissimo problema, anche a causa dei recenti conflitti. Avendo fatto l’insegnate per tutta la vita, il mio primo pensiero va ai bambini che in tanti- milioni! -  non hanno neanche la possibilità di studiare.

I giovani sono il nostro futuro, nelle loro mani è la possibilità di cambiamento e di pace nel mondo ed è proprio pensando a loro che ho deciso di guardare più in là del mio personale futuro scrivendo il mio testamento ed inserendovi un lascito all’UNHCR.

Come diceva Madre Teresa, il mare è grande, ma è fatto di tante piccole gocce quindi, se ognuno di noi ci mette il suo piccolo possiamo incidere tanto sulla vita di queste persone, di questi bambini

Lascia qualcosa per amore a chi ha lasciato tutto per forza ↦

Il lascito solidale si trasforma in un aiuto concreto

  

Ayak è fuggita dal Sud Sudan a causa della guerra civile e ora vive nel campo profughi di Kakuma in Kenya: “Ho iniziato la scuola qui nel campo e, allora, avevamo solo un libro di testo che dovevamo condividere con altri 20 ragazzi e ragazze, Oggi sono felice di vedere che, grazie ad UNHCR,. le ragazze hanno accesso agli strumenti digitali che le facilita moltissimo nello studio. Con queste risorse, possiamo aiutarle a pensare fuori dagli schemi”.

Anaelle è una ragazza burundese di 15 anni che vive in Mozambico come rifugiata da otto anni: “Frequentare la classe dotata degli strumenti digitali forniti da UNHCR mi ha aiutato a fare ricerche, studiare e migliorare il mio apprendimento.”

Queste ragazze possono guardare al proprio futuro con una speranza, grazie anche a Silvana, Andrea, Marina e Donato che hanno sostenuto il lavoro di UNHCR con un lascito nel proprio testamento.
 

Unisciti a Paola, Luciano, Lucia, Ivana e a tutti coloro che hanno deciso di sostenere UNHCR con un lascito nel proprio testamento:

Richiedi o scarica la guida ai lasciti di UNHCR oppure contatta Gian Paolo Vassallo, anche scrivendo all’indirizzo lasciti@unhcr.org o chiamando il numero 06.802.12.441

Puoi trasformare in realtà la speranza nel futuro per chi ha visto il suo presente distrutto.

UNHCR: chi siamo

  

UNHCR: chi siamo e cosa facciamo. I volti sorridenti di ragazzi e ragazze che aiutiamo

 

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) è la principale organizzazione umanitaria impegnata da più di 70 anni nell’assistenza e nella protezione di rifugiati, sfollati, apolidi e richiedenti asilo. Istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 14 dicembre 1950, da allora UNHCR ha aiutato più di 60 milioni di persone a ricostruire la propria vita. Oggi l’UNHCR lavora in 135 paesi ed assiste circa 110 milioni di rifugiati, sfollati ed apolidi in tutto il mondo.

spd#pubbliredazionale_fc

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo