Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
il nuovo rapporto
 

Allarme Unicef: malnutrizione infantile in aumento nel mondo

18/12/2018  Oltre 200 milioni di bambini soffrono per carenza di alimentazione. Ma cresce anche il numero dei piccoli obesi: nel 2017, 38,3 milioni di bambini sotto i 5 anni risultavano in sovrappeso. L'obesità rischia diventare un'epidemia.

(Foto Reuters)

Cattive notizie sul fronte dell'accesso al cibo sul nostro pianeta: la fame nel mondo negli ultimi tre anni è cresciuta, tornando ai livelli di un decennio fa. Nel mondo oltre 200 milioni di bambini soffrono di una forma di malnutrizione: 1 bambino su quattro, il 22,2% di tutti i minori a livello globale. Di questi 151 milioni sono malnutriti a livello cronico. Una situazione allarmante, alla quale fa da contraltare un'altra emergenza, un'altra forma di malnutruzione, o cattiva nutrizione, diametralmente opposta: l'obesità infantile, che continua a registrare un progressivo peggioramento, senza possibilità di arginare il problema e invertire la rotta. Nel 2017 in tutto il mondo 38,3 milioni di bambini sotto i 5 anni risultavano in sovrappeso: 8 milioni in più rispetto ai 30,1 milioni del 2000. Nel 2017 il 5,6% della popolazione infantile mondiale sotto i 5 anni risultava in sovrappeso. 

Un inquietante paradosso, messo in luce dal nuovo rapporto dell'Unicef "Diamogli peso: l'impegno dell'Unicef per combattere la malnutrizione". Secondo i dati raccolti, l'Asia è il continente con il numero più alto di bambini affetti da mulnutrizione acuta (35 milioni) e malnutrizione acuta grave (12,1 milioni). Ma è anche il continente che conta il maggior numero di bambini in sovrappeso - 17, 5 milioni - seguito dall’Africa con 9,7 milioni e da America latina e Caraibi con 3,9 milioni complessivi. Il problema è diventato preoccupante anche in Africa, dove tra il 2000 e il 2017 il numero di minori in sovrappeso è passato da 6,6 milioni a 9,7 milioni. Ma questa crescita riguarda quasi tutte le aree del pianeta. Il 39% di tutti i bambini sotto i 5 anni in sovrappeso vive in Paesi a reddito medio-alto. In Europa, il fenomeno riguarda un bambino su tre. 

L'obesità infantile è un problema in crescita in tutti i Paesi dell'Unione europea. In Italia è legata non solo agli aspetti nutrizionali ma anche a uno stile di vita troppo sedentario. Secondo i dati Istat, il numero dei bambini sedentari è molto alto nella fascia di età 3-5 anni (48,8%) diminuisce nelle fasce di età successive e inizia a risalire, mantenendosi alta, a partire dalla fascia di età 18-19 anni (20,8%). 

«Quando si parla di malnutrizione il nostro immaginario ci porta direttamente a situazioni legate ai Paesi più poveri. Infatti, uno dei maggiori problemi per l’infanzia nel mondo è quello dei bambini malnutriti a causa della sottoalimentazione», spiega Francesco Samengo, presidente di Unicef Italia. «Tuttavia, malnutrizione non significa solo non avere da mangiare a sufficienza, ma anche mangiare in modo errato o malsano. Per questo, attraverso questo rapporto, vogliamo mettere in luce anche il problema dell’obesità infantile che sta assumendo le caratteristiche di una vera e propria epidemia».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo