logo san paolo
giovedì 09 dicembre 2021
 
DOPO DI NOI
 

Urgentemente una legge sul #DopoDiNoi: la petizione di Ileana Argentin

18/07/2014  La petizione sul “Dopo di noi” lanciata dalla deputata Argentin a fine giugno sta andando molto bene e sfiora le 70 mila adesioni. I lavori parlamentari sono partiti e sembra esserci l’intenzione di arrivare finalmente in fondo. Per affrontare un problema urgente che riguarda il 5 per cento della popolazione

Sono già tre mesi che Alessandro e Mariateresa non ci sono più. Sergio li ha uccisi il 9 aprile. Aveva paura di morire e di lasciare solo Alessandro, suo figlio disabile, visto che alla mamma, Mariateresa, era stato diagnosticato un grave male. Ileana Argentin incontrava spesso quest'uomo che spingeva la carrozzina del figlio. Abitavano a duecento metri da casa sua e tutte le volte Sergio le diceva: «Che succederà, ad Alessandro, dopo la mia morte e quella di mia moglie? Non abbiamo parenti, Ileana fai qualcosa per il “DOPO DI NOI”, non dimenticartene».

Per Sergio, Alessandro e Maria Teresa e per tanti come loro Ileana Argentin, deputata Pd affetta lei stessa dalla nascita da una grave malattia degenerativa, a metà giugno  nel 2013 ha presentato un progetto di legge sul “Dopo di noi” che aiuti e sostenga le tantissime famiglie con figli disabili, per assicurare un futuro dignitoso nel momento in cui i genitori non ci saranno più. «Un problema urgentissimo che riguarda il 5% della popolazione».

Un provvedimento che ha cominciato il suo iter legislativo in Commissione Affari sociali della Camera, insieme ad altri due progetti sulla stessa materia. E per far pressione sui colleghi parlamentari ha lanciato una petizione online intitolata Urgentemente una legge sul #DopoDiNoi, sulla piattaforma Change.org (http://www.change.org/it/petizioni/urgentemente-una-legge-sul-dopodinoi-2), che in 24 ore ha raccolto 35 mila firme e centinaia di commenti e testimonianze. E oggi conta 70.000 adesioni

«Questa legge è urgentissima – afferma la Argentin - perché di famiglie in queste condizioni ce ne sono davvero tante. Sono 2 milioni 600 mila le persone che nel nostro Paese sono colpite da disabilità grave e per questo non sono autosufficienti. Ciò vuol dire che le famiglie italiane interessate sono circa il 15 per cento del totale, quindi il 4,8 per cento della popolazione italiana».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo