logo san paolo
giovedì 02 dicembre 2021
 
Il Teologo
 

Si può spiegare il Vangelo con parole "diverse" e più accessibili ai bambini?

28/03/2017 

CORRADO C. Una sua precedente risposta sembra escludere di proporre ai bambini il Vangelo con parole diverse. Desidero far osservare che mi pare bello lo zelo del parroco che cerca di leggere il Vangelo con parole più accessibili ai bambini.

Forse la risposta non era sufficientemente chiara e ne chiedo scusa. L’osservazione è quindi utile per precisare. Le norme vietano espressamente le parafrasi della Scrittura durante la celebrazione liturgica anche con la presenza di bambini (Direttorio per le messe con i fanciulli, 45). Ciò è invece possibile e opportuno in qualsiasi altro incontro di preghiera e di catechesi per loro. Il testo della Scrittura che si legge solennemente all’ambone non solo è la traduzione approvata dalla Chiesa, ma è il testo comune a tutte le comunità di una stessa area linguistica, senza interpolazioni che potrebbero inquinare il messaggio. Per le spiegazioni c’è l’omelia. Inoltre sostituire la lettura del Vangelo alla Messa con altre parole più adatte ai bambini non rischia forse di infantilizzare la proclamazione della Parola di Dio e anche tutta la normale celebrazione per gli adulti?

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo