logo san paolo
mercoledì 22 settembre 2021
 
 

Venezia celebra Claudio Monteverdi

19/06/2017  Per i 450 anni della nascita del compositore cremonese il Teatro La Fenice presenta i tre capolavori operistici del musicista considerato l'inventore della moderna opera lirica. Successo trionfale per gli interpreti e il direttore John Eliot Gardiner.

Non capita spesso di poter ammirare e applaudire i tre titoli operistici di Claudio Monteverdi per tre giorni di fila, con lo stesso prestigioso direttore e con un gruppo di interpreti superlativi. L’occasione, più unica che rara, c’è stata a Venezia, dove il Teatro La Fenice ha celebrato nel modo migliore i 450 anni della nascita del sommo compositore cremonese, universalmente considerato l’inventore della moderna opera lirica. 

Venerdì 16 è andato in scena “L’Orfeo”, sabato 17 “Il ritorno di Ulisse in Patria” e domenica 18 “L’incoronazione di Poppea”. Prevista una replica per ciascun spettacolo, fino al 21 giugno. Si è adottata una forma semi scenica delle tre opere, con la regia curata da John Eliot Gardiner e da Elsa Rooke. Gli English Baroque Soloists in palcoscenico, al centro Gardiner e attorno a loro l’azione dei coristi del Monteverdi Choir e di un drappello di solisti. 

Gli spettacoli funzionano molto bene, il pubblico apprezza e applaude con meritate standing ovation. Merito della musica stupefacente di Monteverdi e di un gruppo di interpreti che rappresentano l’eccellenza in questo repertorio. Tutti capaci di scolpire le parole del testo con una dizione impeccabile, allenata dalla pratica con i  madrigali e le composizioni sacre di Monteverdi. 

Gardiner, che nel 1964, fondò a Cambridge il Monteverdi Choir ha una lunga consuetudine con la musica del genio cremonese, in cui ammira soprattutto la capacità di “trasmettere l’intera gamma delle emozioni umane”. Nel suo soggiorno veneziano Gardiner non ha mancato l’occasione per recarsi nella Basilica dei Frari, dove Monteverdi (morto a Venezia il 26 novembre del 1643) è sepolto in un cappella in cui non manca mai un fiore sulla tomba. “Mi sono raccolto in preghiera, ho ascoltato i consigli di Monteverdi e sono uscito dalla chiesa con un sacco di istruzioni che ho trasmesso ai miei musicisti”, ha detto Gardiner, fra il serio e il faceto,  pochi minuti del debutto con “L’Orfeo”.

Fra gli interpreti, che nei tre spettacoli sono sempre stati in scena con diversi ruoli, hanno impressionato la presenza scenica e la voce di Gianluca Buratto, l’eleganza di Krystian Adam,  io timbro di Lucille Richardot, l’autorevolezza di un interprete collaudato in questo repertorio come Furio Zanasi. Ma bravi davvero tutti e complimenti al Teatro La Fenice, una delle poche istituzioni musicali italiane che si sono ricordate di celebrare Claudio Monteverdi in questo anno così importante.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%