logo san paolo
giovedì 26 maggio 2022
 
 

È di Olmi il Leone del cuore

07/09/2011  La Mostra di Venezia al giro di boa incorona Olmi e Crialese. La bella prova di Clooney, il film crudele di Polanski.

       Dopo il giro di boa, la 68° edizione della Mostra del cinema di Venezia si sta avviando alla conclusione lasciando, nel pubblico e negli addetti ai lavori , una impressione molto più positiva di quanto non ci si aspettasse. Malgrado infatti i cronici disservizi logistici, l'insufficienza del budget, l'inadeguatezza di una classe politica più interessata al red carpet che a sostenere un vero progetto culturale, il direttore Marco Mueller e i suoi collaboratori sono riusciti in un mezzo miracolo.

     Non ci riferiamo tanto al glamour e ai lustrini garantiti dalla presenza di star in grande spolvero (Al Pacino, Madonna, Monica Bellucci, Matt Damon, Gwyneth Paltrow, James Franco, Viggo Mortensen, Keira Knightley, Rutger Hauer) quanto alla solidità e spettacolarità di parecchie pellicole in gara per il Leone d'oro.      

     Si è cominciato subito bene con Le idi di marzo di George Clooney. Atteso al varco da uno stuolo di paparazzi e di gossippari a causa della recente e chiacchierata rottura con Elisabetta Canalis, il bel George ha saputo tirar dritto e conquistare critici e spettatori con un dramma socio-politico tanto attuale quanto scomodo perfino per i Democratici statunitensi, partito di cui è da sempre sincero sostenitore. In un crescente turbinio di episodi, scontri personali e mediazioni al ribasso, il film (che uscirà nelle sale italiane a gennaio) racconta la discesa agli inferi di un giovane addetto stampa (il bravissimo Ryan Gosling) durante le primarie del Partito Democratico nello stato dell'Ohio, tanto immaginarie quanto del tutto credibili.

     Il suo candidato progressista (lo stesso Clooney in un ruolo ambiguo) riuscirà infatti a deluderlo profondamente gettando la maschera. Senza che l'avversario riesca però a dimostrarsi migliore. E mentre uno stuolo di collaboratori e galoppini (interpretati magistralmente da Philip Seymour Hoffman, Paul Giamatti, Marisa Tomei, Evan Rachel Wood) commetterà le azioni più turpi, trucchi, menzogne e tradimenti costringendolo ad aprire gli occhi. E' è la politica bellezza! Clooney riesce a farci appassionare al chiacchiericcio scomposto e diabolico dei suoi personaggi, al loro cinismo, per poi lasciarci l'amaro in bocca con una domanda sottintesa: in Italia, dove i politici compiono ben altre nefandezze, un film del genere sarebbe possibile?        

                                                                   

     Caccia al traditore

     Altri applausi convinti per La talpa (titolo originale del celebre romanzo di John Le Carré da cui è tratto, Tinker, Taylor, Soldier, Spy) che il regista svedese Tomas Alfredson riporta sullo schermo con un rigore stilistico e un'asciuttezza che rievocano perfettamente clima e costumi della Guerra Fredda negli anni '70. Nei panni del super agente britannico Smiley, un tempo indossati dal grande Alec Guinness, fa un figurone Gary Oldman ben coadiuvato nell'intreccio da attori del calibro di Colin Firth e John Hurt.

     Altro che James Bond: questa storia d'azione, senza mirabolanti effetti speciali e dal ritmo inusualmente lento, inchioda lo spettatore alla poltrona in attesa di scoprirne l'esito. E lo affascina con la sottile nostalgia per un'epoca che davvero non esiste più: terribile e inquietante, certo, ma allora perfino le cose più malvage parevano comunque rispondere a una qualsivoglia “moralità”. Un mondo in cui gli agenti segreti al servizio di Sua Maestà (e con loro tutti gli altri, nostri compresi) erano persone consacrate al lavoro, solitarie, prive di affetti, soprattutto capaci di sopportare l'alienazione del male da fare e magari da subire in nome di un qualche ideale. E non solo per sporchi interessi, come oggi.
       

     La carneficina di Roman Polanski

     Ancora più su nella scala dell'applausometro si è piazzato Roman Polanski con il suo Carnage (letteralmente Carneficina, nei cinema dal 16 settembre), ispirato al fortunato testo teatrale di Yasmina Reza. Il titolo non tragga in inganno: tutto si svolge nella quiete delle mura domestiche in cui s'incontrano, per discutere dei loro figli undicenni che se le sono date di santa ragione, due coppie di genitori borghesi e all'apparenza perbene. Gli iniziali convenevoli scherzosi si trasformano presto in battute al vetriolo, che a loro volta sfociano in un crescendo di rivelazioni sulle ridicole contraddizioni e i grotteschi pregiudizi dei quattro genitori. E nessun adulto sfuggirà al conseguente massacro verbale.

     Ritratto impietoso dei limiti della cosiddetta società civilizzata che il regista (premio Oscar per Il pianista) rende  appassionante grazie alla bravura degli interpreti: Jodie Foster, Kate Winslet, John C. Reilly e quel Christoph Waltz scoperto da Quentin Tarantino col suo Bastardi senza gloria. Raramente si è visto un film tanto efficace nel sedurre chi guarda per poi farlo riflettere su quanto sia difficile la reale accettazione dell' ”altro”.       

                         



     E in tema di accoglienza del diverso, una convinta ovazione è quella che ha salutato la presentazione alla stampa di Terraferma del nostro Emanuele Crialese (film già nelle sale e che vi raccomandiamo caldamente di andare a vedere). Ci volevano il suo raffinato gusto visivo, il suo stile realistico e allo stesso tempo sospeso nel limbo della fiaba, la sua vibrante sensibilità per fare di una piccola storia di immigrazione un toccante apologo. Al centro della vicenda non tanto i poveri derelitti che approdano a Lampedusa (ma il film è stato girato a Linosa) a bordo del solito gommone carico di disperazione, piuttosto quei poveracci che campano a malapena di pesca e turismo e che se li trovano catapultati nella loro esistenza.  Il giovane Filippo e il nonno Ernesto aiutano i naufraghi ma si vedono sequestrare il peschereccio in base al reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

     E la legge del mare che impone l'aiuto? E la cristiana accoglienza? Per Giulietta, mamma di Filippo e già vedova per colpa del mare, è troppo. E' lei che vuole scappare via dall'isola e da quella vita maledetta... E' lei che sogna un'altra esistenza per quel figlio che è la sola cosa rimastale... Come può non capire, allora, la muta e disperata richiesta d'aiuto di Sara, nascosta nel garage di casa sua? La sua pelle è nera, ma si porta appresso un bimbetto spaurito e in grembo una nuova vita sperando anche lei in un futuro migliore. Gli occhi si cercano, con gli sguardi delle due donne arrivano a comprendersi. Lieto fine? Forse. Oppure no. Spetta soltanto a chi guarda decidere.

     “Il mio film è dalla parte di tutti gli immigrati”, ha detto Crialese. “Mi chiedo come  si possa oggi negare agli africani o ad altri il diritto di cercare di sfuggire alla fame, alla miseria, alla guerra, alla sventura. Come un tempo facemmo noi e tanti altri popoli. E' l'intreccio di civiltà diverse che consente l'evolversi della civiltà stessa”. Applausi convinti a lui e ai bravi interpreti presenti: Filippo Pucillo, Donatella Finocchiaro, Giuseppe Fiorello, Mimmo Cuticchio. E all'eritrea Timnit T., unica assente perché bloccata in Olanda (dove oggi risiede col marito) dal parto imminente del primo figlio: a ispirare il copione a Crialese è stata lei, trovata viva con altri quattro su un gommone per settimane alla deriva nel Mediterraneo. Viva in mezzo a una settantina di cadaveri. Era l'agosto di due anni fa. In fondo, una vita fa.       

   

     L'apologo cristiano di Ermanno Olmi

     E proprio ieri, in tema di accoglienza, ha detto magistralmente la sua il maestro Ermanno Olmi. Vero che Il villaggio di cartone, essendo fuori concorso, non potrà ambire al Leone d'oro ma il film ha lasciato un segno indelebile sulla Mostra. Suggestive e toccanti le sequenze iniziali in cui vediamo la grande chiesa spogliata pian piano del crocifisso, degli antichi quadri, dei paramenti sacri, delle statue estatiche, dei grandi candelabri. Fino a rimanere vuota, in disarmo per mancanza di fedeli. Proprio come il suo vecchio parroco (il sublime Michael Lonsdale), messo da parte dalle alte gerarchie.

     Quando lo sconforto monta e tutto sembra perduto, ecco che un gruppo di clandestini cerca rifugio tra quelle mura spoglie eppure ancora pregne di sacralità. Saranno quei poveri cristi in carne e ossa a restituire al vecchio prete e al suo sacrestano (Rutger Hauer, già Santo Bevitore sempre per Olmi e replicante in Blade Runner per Ridley Scott) il senso più profondo del messaggio cristiano. “Occorre che noi cattolici ci ricordiamo più spesso di essere cristiani”, ha detto Olmi. “L'accoglienza è il vero simbolo, senza di essa la croce non basta”. Applausi, stavolta commossi. Il Leone d'oro del cuore è senz'altro suo. 

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo