logo san paolo
giovedì 02 dicembre 2021
 
 

Verdi, come t'illustro l'opera

22/09/2012  Per i 200 anni dalla nascita del compositore, l’Associazione L’ILOopera presenta un concorso per le scuole elementari: dovranno illustrare l’Aida

Illustrazione di Giuseppe Verdi che conduce l’orchestra durante la prima dell’Aida, a Parigi, nel 1880. Foto Corbis
Illustrazione di Giuseppe Verdi che conduce l’orchestra durante la prima dell’Aida, a Parigi, nel 1880. Foto Corbis

Duecento anni dalla nascita di Giuseppe Verdi e 100 anni di attività del Museo Teatrale alla Scala. Come festeggiare questo doppio compleanno nel 2013? L’Associazione L’ILOopera presieduta da Christian Silva (didatta, scenografo, ed espertissimo ideatore e realizzatore di progetti e strumenti multimediali per bambini) non ha avuto dubbi: coinvolgendo il mondo della scuola. Ecco dunque un Concorso aperto alle elementari (suddivise in due fasce) dal titolo che già spiega moltissimo: “Illustro l’Opera – Aida”. Bimbi ed insegnanti (ma il supporto delle famiglie è ben gradito!) sono chiamati alla realizzazione di un elaborato artistico ispirato ad una delle opere presenti nel cartellone della Scala nell’anno della doppia celebrazione: l’Aida. Cioè la più popolare e spettacolare delle opere di Giuseppe Verdi. In cosa consiste il concorso? I bambini (in gruppo e non individualmente) sono invitati a lavorare ed imparare insieme e a presentare una documentazione finale (disegni, scritti, relazione sul lavoro svolto, perfino audio e video della loro esperienza).

Referente dell’Associazione per lo svolgimento del concorso è il docente responsabile del gruppo partecipante. Le iscrizioni si sono aperte il 10 settembre 2012 e si chiuderanno il 10 dicembre 2012. Di tempo quindi ce n’è. Gli elaborati dovranno pervenire entro il 10 marzo 2013. L’iscrizione deve essere effettuata secondo le modalità pubblicate sul sito web www.lilopera.it Ed ogni adesione prevede un contributo di 1€ per ogni bambino partecipante: il contributo sarà completamente devoluto alla campagna dell’UNICEF Vogliamo Zero, per la lotta alla mortalità infantile. Determinante ai fini del Premio sarà la valutazione del percorso didattico che gli insegnanti proporranno al gruppo di bambini. Le parole di Christian Silva riassumo lo spirito del concorso e dei percorsi possibili:




Dopodiché spazio alla fantasia, per disegnare, suonare, ascoltare, inventare e reinventare piramidi e Faraoni, marce trionfali e storie d’amore sulle sfondo della Storia vera.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo