logo san paolo
martedì 22 settembre 2020
 
 

Chi vuole (e chi no) il Governo Monti

10/11/2011  Dopo la mossa del presidente Napolitano in Parlamento si va alla conta per vedere chi ci sta. Il no della Lega e Di Pietro, che preferiscono andare alle elezioni.

Mario Monti.
Mario Monti.

La mossa di Napolitano ha impresso un’accelerazione al corso della politica italiana. Il resto lo stanno facendo i mercati. Il Colle si avvia a nominare il neosenatore a vita Mario Monti alla guida di un Governo di salvezza nazionale che dovrebbe unire Centrodestra e Centrosinistra nel sostenere una nuova maggioranza.

LA TUA OPINIONE CONTA - clicca qui

Entra nello spazio sondaggi e ricerche che Famigliacristiana.it e Demòpolis hanno creato per raccogliere il parere dei lettori sui grandi temi dell'attualità.














Gli investitori hanno già rallentato la cessione di titoli di Stato, abbassando l’ormai famigerato spread. Vuol dire, indirettamente, che i mercati danno disco verde alla nomina dell’ex commissario europeo chiamato a salvare il Paese dal baratro, mettendo in pratica quell’agenda di provvedimenti che la Bce e l’Unione ci chiedono per rendere più affidabile la nostra situazione debitoria.

      Ora non resta che attendere la risposta del Parlamento. I più convinti della scelta di Napolitano sono Casini, Rutelli e Fini, ovvero il Terzo Polo. Quel Terzo Polo pronto a raccogliere lo smottamento dei deputati del Pdl in libera uscita dopo le dimissioni del loro leader. Anche Bersani e il suo Pd sembrano favorevoli a un Governo del Presidente. Quanto a Berlusconi, che ha controfirmato il decreto di nomina a senatore di Monti, sembra che si sia convinto di questa opzione, che tra l’altro prevede la nomina di Letta a vicepresidente.

     Sa che il suo Pdl, già in preda a spinte disgregatrici, finirebbe per implodere. I sondaggi gli dicono che il ricorso alle urne non si risolverebbe proprio con un successo: anche molti suoi elettori potrebbero travasare nel Terzo Polo e addirittura Nel Centrosinistra. Inoltre la salvezza finanziaria del Paese sta a cuore anche all’azionista di maggioranza dell’impero Mediaset (le cui azioni ieri hanno lasciato sui mercati il 12% del loro valore).

      E così stavolta il conflitto di interessi si risolve a favore di un governo che eviti la strada delle urne: anche il Cavaliere infatti tiene a che il Paese non precipiti nel baratro e salvi le sue aziende. Contrari a un Governo Monti sono due partiti per certi versi speculari: la Lega e Di Pietro. Il Carroccio è già chiaramente in campagna elettorale. Saranno i suoi elettori a decidere se ricordarsi o no che fino a un secondo fa erano al governo con dei loro ministri e con Tremonti (che ormai potrebbe divenire tema di una delle puntate del programma della Sciarelli, Chi l’ha visto?).

     Quanto a Di Pietro, preferisce giocare la carta delle elezioni e del populismo piuttosto che quella della responsabilità nazionale. Il suo partito è anticiclico rispetto al Pd: sa che un governo di larghe intese potrebbe appiattirlo a favore dell’eterno amico-nemico Bersani. E così preferisce proseguire con la logica del tanto peggio tanto meglio. L’attuale legge elettorale, peraltro, lo favorisce.      

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%