Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 21 giugno 2024
 
 

Mons. Fontana: la mia croce ai poveri

15/04/2010  Il Vescovo di Arezzo: "Un piccolo gesto per chi non arriva a fine mese".

Un gesto piccolo, come lo definisce lui, ma significativo, anche per il momento in cui l'ha compiuto. Monsignor Riccardo Fontana, vescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, durante la Missa in Coena Domini, quella che ricorda l'ultima Cena dove il sacerdote ripete il gesto della lavanda dei piedi compiuta dal Signore, ha donato al fondo diocesano per i poveri la sua croce pettorale d'oro, un orologio di valore e un anello di platino, regali che aveva ricevuto in occasione della sua ordinazione episcopale.

- Mons. Fontana, cosa l'ha spinta a fare questo gesto?
Ho dato solo un piccolo segno, uno dei tanti che tutti i miei confratelli compiono nelle loro diocesi. Un 'attenzione verso i poveri, gli ultimi, un piccolo gesto ispirato al primato della carità a 5 mesi dal mio insediamento a Arezzo. Un segno delle finalità che voglio perseguire in un momento in cui nella mia diocesi oltre 4.000 famiglie sono toccate dalla crisi. Molte famiglie fanno fatica a pagare le bollette, a volte persino a mangiare...

- Avete un fondo di solidarietà per le famiglie in diocesi?
Si, è il fondo gestito direttamente dalla Caritas ma ormai è quasi esaurito. Il gesto voleva appunto invitare la gente a riflettere sul momento che stiamo vivendo, su come esso sollecita la nostra fede a farsi carico delle fatiche gli uni degli altri. Diverse persone mi hanno detto: "Che bella una chiesa così!", altri hanno aderito facendo delle offerte consistenti.

- I suoi sacerdoti sono stati coinvolti ovviamente...
Certamente. In questo anno sacerdotale il rapporto tra sacerdozio e carità è fondamentale. Anche loro sono invitati a condividere, come già del resto fanno, con i più poveri.

- Nella Messa Crismale del Giovedì Santo è stato offerto l'olio dei poveri...
Abbiamo raccolto davvero molto olio attraverso la generosità di molti fedeli delle varie parrocchie nelle nostre sette zone pastorali. Una parte è stato benedetto per essere usato nei battesimi, cresime, unzione degli infermi e ordinazioni presbiterali. Un'altra parte sarà destinato alle famiglie povere.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo