Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
dossier
 

«Gesù cammina verso la croce perché la nostra anima possa sorridere»

04/08/2023  Papa Francesco ha parlato a braccio ai tanti giovani (800 mila, secondo stime attendibili) che hanno preso parte alla Via Crucis e ha detto loro che non devono avere paura della loro ansia, della loro solitudine, delle loro lacrime, ma, in silenzio devono dire al Signore perché piangono e Lui li consolerà

Lisbona,

dalla nostra inviata

«Oggi camminerete con Gesù, Gesù è il cammino. Lui ha camminato facendo giustizia, predicando, Gesù cammina, ma il cammino che è più inciso nel nostro cuore è il cammino del Calvario, della croce e voi oggi, in collaborazione con noi, con me, insieme rinnoveremo il cammino della croce». Papa Francesco parla ai giovani che già dal primo pomeriggio lo attendevano al Parque Eduardo VII e spiega loro che «il cammino di Gesù è Dio che esce da se stesso».

E poi ricorda una frase di Primo Mazzolari  - «Signore, per l’ineffabile tua agonia, posso credere nell’amore» - per dire che sono proprio le ferite di Gesù che ci dicono quanto ci ama. Ci ama fino a dare la vita e ci ama consolandoci, asciugando le nostre lacrime. Il Papa chiede ai giovani di domandarsi, in silenzio, ciascuno nel proprio cuore: «Io piango qualche volta? Ci sono cose nella vita che mi fanno piangere? Tutti nella vita abbiamo pianto e lì c’è Gesù che ci accompagna, è lì nell’oscurità. Un po’ di silenzio e ciascuno dica a Gesù perché piange nella vita». E poi sottolinea che le lacrime non restano lì, ma «Gesù con la sua tenerezza asciuga le nostre lacrime nascoste, vuole colmare la nostra solitudine, le nostre paure, queste paure oscure le vuole colmare con la sua consolazione e vuole spingerci, abbracciandoci, ad affrontare il rischio di amare. Lui lo sa che occorre correre il rischio di amare».

Ma lui «ci accompagna, in questo è sempre vicino a noi in ogni momento della vita. E oggi faremo il cammino con lui, con la sua sofferenza». Infine, nel suo breve discorso, il Papa spiega che «oggi faremo il cammino delle nostre ansie e solitudini. Ognuno pensi alle proprie ansie, alle miserie, che danno paura ma ci pensi e anche alla voglia che l’anima torni a sorridere. Gesù cammina verso la croce perché la nostra anima possa sorridere».

 

Multimedia
Gmg, le più belle immagini della Messa conclusiva del Papa
Correlati
«A Fatima, crocevia drammatico del '900, Maria ripete ancora ai giovani: "Fate come Lui vi dirà"»
Correlati
Gmg, le più belle immagini della Messa conclusiva del Papa
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo