logo san paolo
lunedì 11 novembre 2019
 
Via crucis
 

"Che il Signore ci aiuti a vedere le croci del mondo"

19/04/2019  Al termine della via Crucis papa Francesco prega intensamente perché tutti noi possiamo vedere le nuove croci che gravano sull'umanità compresa quella "della nostra casa comune che appassisce seriamente sotto i nostri occhi egoistici e accecati dall’avidità e dal potere".

La croce passa di mano in mano durante la via Crucis al Colosseo. Ci sono le famiglie, ci sono le ragazze vittime della tratta, ci sono le suore che le aiutano nel riscatto, ci sono laici e religiosi che, come il Cireneo, sono impegnati ad alleviare il peso delle nuove croci di oggi. Ci sono, oltre al cardinal vicario Angelo De Donatis,  suor Venicia Meurer e Suor Lilly Nanat, suore Pallottine che arrivano dal Brasile e dall’India, ci sono i barellieri e i disabili dell’Unitalso, c’è la nigeriana Patricia Ogiefa con sua figlia Cristina, suor Rita Giaretta ed Ezekiel Joy, da anni impegnate a fianco delle ragazze con Casa Rut, a Caserta, ci sono suor  Mihaela Elizabeta Balauca, che segue Ponte Galeria e Maria Leonor Jardon, che lavora con una unità di strada, c'è la giornalista Lucia Capuzzi. Sanno bene quali sono le croci che oggi gravano sui nuovi schiavi. Croci che Papa Francesco, al termine della via crucis, ricorda una a una chiamandole per nome: la croce delle persone sole, di quelle affamate, dei migranti, dei piccoli feriti nella propria innocenza, degli anziani… E indica la speranza della risurrezione.

«Signore Gesù», dice Francesco nella preghiera che riportiamo integralmente, «aiutaci a vedere nella Tua Croce tutte le croci del mondo:

la croce delle persone affamate di pane e di amore;

la croce delle persone sole e abbandonate perfino dai propri figli e parenti;

la croce delle persone assetate di giustizia e di pace;

la croce delle persone che non hanno il conforto della fede;

la croce degli anziani che si trascinano sotto il peso degli anni e della solitudine;

la croce dei migranti che trovano le porte chiuse a causa della paura e dei cuori blindati dai calcoli politici;

la croce dei piccoli, feriti nella loro innocenza e nella loro purezza;

la croce dell’umanità che vaga nel buio dell’incertezza e nell’oscurità della cultura del momentaneo;

la croce delle famiglie spezzate dal tradimento, dalle seduzioni del maligno o dall’omicida leggerezza e dall’egoismo;

la croce dei consacrati che cercano instancabilmente di portare la Tua luce nel mondo e si sentono rifiutati, derisi e umiliati;

la croce dei consacrati che, strada facendo, hanno dimenticato il loro primo amore;

la croce dei tuoi figli che, credendo in Te e cercando di vivere secondo la Tua parola, si trovano emarginati e scartati perfino dai loro famigliari e dai loro coetanei;

la croce delle nostre debolezze, delle nostre ipocrisie, dei nostri tradimenti, dei nostri peccati e delle nostre numerose promesse infrante;

la croce della Tua Chiesa che, fedele al Tuo Vangelo, fatica a portare il Tuo amore perfino tra gli stessi battezzati;

la croce della Chiesa, la Tua sposa, che si sente assalita continuamente dall’interno e dall’esterno;

la croce della nostra casa comune che appassisce seriamente sotto i nostri occhi egoistici e accecati dall’avidità e dal potere.

Signore Gesù, ravviva in noi la speranza della risurrezione e della Tua definitiva vittoria contro ogni male e ogni morte. Amen!».

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%