Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 21 giugno 2024
 
dossier
 

«Via i muri delle nostre complicità; migranti persone, non numeri»

14/06/2018  Andare incontro all’altro, per accoglierlo, conoscerlo e riconoscerlo, ha detto Jorge Mario Bergoglio. «Occorre un cambiamento di mentalità: passare dal considerare l’altro come una minaccia alla nostra comodità allo stimarlo come qualcuno che con la sua esperienza di vita e i suoi valori può apportare molto e contribuire alla ricchezza della nostra società».

I migranti non sono numeri, ma persone. Come tali vanno pensati. E trattati. Di più: occorre «abbattere il muro di quella complicità comoda e muta che aggrava» la «situazione di abbandono» in cui versano, e porre «su di loro la nostra attenzione, la nostra compassione, la nostra dedizione». È l’appello lanciato da papa Francesco nel Messaggio inviato ai partecipanti al Colloquio Santa Sede – Messico sulla migrazione internazionale in corso alla Casina Pio IV in Vaticano, promosso dalla Segreteria per i rapporti con gli stati della Segreteria di Stato e dall’ambasciata del Messico presso la Santa Sede, con la collaborazione della Pontificia accademia delle scienze e della sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale. 

«Per far fronte e dare risposta al fenomeno della migrazione attuale, è necessario l’aiuto di tutta la comunità internazionale – afferma il Papa nel messaggio, letto da monsignor Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati -, dal momento che esso ha una dimensione transnazionale, che supera le possibilità e i mezzi di molti Stati. Questa cooperazione internazionale è importante in  tutte le tappe della migrazione, dal Paese di origine fino alla destinazione, come pure nel facilitare il ritorno e il transito»: «In ognuno di questi passaggi, il migrante è vulnerabile: si sente solo e isolato. Prendere coscienza di questo è di capitale importanza se si vuole dare una risposta concreta e degna a questa sfida umanitaria».

Papa Francesco ha ricordato che «nella questione della migrazione non sono in gioco solo numeri, bensì persone, con la loro storia, la loro cultura, i loro sentimenti e le loro aspirazioni. Queste persone, che sono nostri fratelli e sorelle, hanno bisogno di una protezione continua, indipendentemente dal loro status migratorio. I loro diritti fondamentali e la loro dignità devono essere protetti e difesi». Un’attenzione speciale, sottolinea, «va riservata ai migranti bambini, alle loro famiglie, a quanti sono vittime delle reti del traffico di esseri umani e a quelli che sono sfollati a causa di conflitti, disastri naturali e persecuzioni». Il Papa esorta i partecipanti ad ascoltare il grido dei nostri fratelli, «che ci chiedono di riconoscerli come tali e di dare loro l’opportunità di vivere in dignità e pace».

Papa Francesco e alcuni migranti in occasione delle sue visite nelle città italiane. Tutte le foto di questo servizio sono dell'agenzia Reuters.
Papa Francesco e alcuni migranti in occasione delle sue visite nelle città italiane. Tutte le foto di questo servizio sono dell'agenzia Reuters.

Sui migranti «occorre un cambiamento di mentalità: passare dal considerare l’altro come una minaccia alla nostra comodità allo stimarlo come qualcuno che con la sua esperienza di vita e i suoi valori può apportare molto e contribuire alla ricchezza della nostra società», ha aggiunto papa Francesco. «Nel momento attuale, in cui la Comunità internazionale è impegnata in due processi che condurranno ad adottare due patti globali, uno sui rifugiati e l’altro sulla migrazione sicura, ordinata e regolare – ha scritto ancora il Papa -, vorrei incoraggiarvi nel vostro compito e nel vostro sforzo affinché la responsabilità della gestione globale e condivisa della migrazione internazionale trovi il suo punto di forza nei valori della giustizia, della solidarietà e della compassione».

A tal fine, ha sottolineato Bergoglio, «occorre un cambiamento di mentalità: passare dal considerare l’altro come una minaccia alla nostra comodità allo stimarlo come qualcuno che con la sua esperienza di vita e i suoi valori può apportare molto e contribuire alla ricchezza della nostra società. Perciò, l’atteggiamento fondamentale è quello di ‘andare incontro all’altro, per accoglierlo, conoscerlo e riconoscerlo’ (Omelia nella Messa per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, 14 gennaio 2018)”.

Multimedia
L'arrivo della nave dei migranti a Valencia
Correlati
Liliana Segre: «L'Italia lasciata sola. Questa è la vergogna dell'Europa»
Correlati
L'arrivo della nave dei migranti a Valencia
Correlati
I vostri commenti
15

Stai visualizzando  dei 15 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo