Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
dossier
 

Vis e Missioni don Bosco: “Qui si tratta di esseri/e umani”

21/06/2015  È la campagna lanciata insieme dal Vis e da Missioni Don Bosco per fermare la tratta di esseri umani e promuovere lo sviluppo umano.

In occasione della giornata internazionale dei rifugiati Vis e Missioni Don Bosco, le due principali organizzazioni del network salesiano di cooperazione e solidarietà internazionale, lanciano la campagna congiunta “Qui si tratta di esseri/e umani” per promuovere le attività di sensibilizzazione e i progetti di sviluppo dei Salesiani di Don Bosco nei Paesi dell'Africa subsahariana ed evitare che tanti giovani diventino vittime di tratta e incontrino la morte durante il viaggio.

«Di fronte alle ripetute stragi di migranti nel Mediterraneo l’Europa è chiamata a dare risposte rapide e concrete», dicono Nico Lotta, presidente del Vis, e Giampietro Pettenon, presidente di Missioni Don Bosco. «Una sfida complessa, ma al tempo stesso un’urgenza che non si può rimandare. I recenti drammatici eventi non sono che l’ultima tappa di una tragedia molto più vasta che si consuma per la maggior parte nei Paesi di partenza e lungo il tragitto attraverso il deserto, dove migliaia di giovani, uomini e donne, finiscono nella rete dei trafficanti, vittime di maltrattamenti, torture e abusi, un tributo fisico e morale che si somma agli alti costi economici sostenuti per il viaggio e spesso ai riscatti imposti dai trafficanti alle famiglie d’origine. Nella maggior parte dei casi vessazioni e soprusi continuano nei confronti dei migranti anche dopo l’arrivo nel Paese di destinazione. Siamo consapevoli che il tema è complesso e le soluzioni non sono semplici né immediate, ma possiamo e vogliamo dare una risposta per fermare il traffico di essere umani e costruire un’alternativa alla migrazione».

Con la campagna le due organizzazioni ecclesiali intendono realizzare in Costa d’Avorio, Etiopia, Ghana, Nigeria e Senegal un ampio programma di sensibilizzazione e formazione perché i giovani che decidono di partire siano informati dei gravi rischi che affronteranno e chi vuole restare abbia opportunità concrete, attraverso progetti di sviluppo specifici, per migliorare le condizioni di vita proprie e della propria famiglia.

L’idea è di contrastare alla fonte il traffico di esseri umani e offrire un’opportunità ai gruppi e alle famiglie più a rischio, facendo sì che l’eventuale scelta di partire sia più consapevole, dilazionata, avvenga per canali legali e con un bagaglio (formativo, economico) spendibile anche nei Paesi di destinazione.

«Partire deve essere una scelta, non l'unica strada»
, ribadiscono i promotori. «Il Vis e Missioni Don Bosco con questa campagna intendono inoltre sensibilizzare l’opinione pubblica italiana sottolineando che non solo l’arrivo, ma anche la partenza e il viaggio dei migranti sono momenti drammatici caratterizzati spesso da gravi violazioni dei diritti umani. E queste violazioni non sono solo una ferita alla loro dignità, ma a quella di tutti. Per questa ragione, come individui e come collettività, siamo tutti chiamati a essere umani per impegnarci a un’assunzione di responsabilità».

Il sito della campagna è www.stoptratta.org.

Multimedia
Save The Children: «L’Italia e l’Europa hanno il dovere di proteggere i bambini»
Correlati
Save The Children: «L’Italia e l’Europa hanno il dovere di proteggere i bambini»
Correlati
Giornata del rifugiato, Unhcr: “Casa dolce casa” per i profughi
Correlati
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo