Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
 

Vite che s'incrociano al repato trapianti

10/05/2010  Il professor Antonio Pinna racconta l'attività al Sant'Orsola di Bologna

Per una vita che finisce, un'altra rinasce. Due destini diversi, opposti, s'incrociano nel reparto Trapianti del Sant'Orsola di Bologna, guidato dal professor Antonio Pinna. "Destini incrociati", da lunedì 10 alle 22.45 su Foxlife, racconta la vita dei pazienti in lista d'attesa per un organo nuovo. Una docu-fiction girata a diretto contatto con l'equipe dei medici.
Professore, parlare di questi temi in Tv fa crescere la sensibilità o rischia di ridurre tutto a fiction?
«Dipende da come viene svolto il lavoro: se tutto è costruito a tavolino, come la sceneggiatura di un film, viene fuori una fiction. Ma in questo caso è diverso: ogni puntata racconta due storie, vere, di persone che sono in lista d'attesa e si devono sottoporre a trapianto. I pazienti hanno testimoniato le loro preoccupazioni, le paure, le difficoltà, ma anche la gioia per poter finalmente guarire. Da parte nostra, inoltre, c'è la massima professionalità nello spiegare da un punto di vista medico cosa significa "trapianto"».
In questi anni come è cambiato il rapporto con il tema della donazione?
«Sicuramente è cresciuta l'informazione e, di conseguenza, la sensibilità dei cittadini. Ma purtroppo cresce anche la domanda e non sempre è possibile garantire una guarigione. Qualche volta è doloroso chiamare un paziente per il trapianto e, poi, all'ultimo minuto, doverlo rimandare a casa perché in realtà l'organo non c'è».
Da cosa dipende?
«Da tanti fattori: la disponibilità, la conservazione, il buono stato. Allo stesso tempo la nostra soddisfazione più grande è proprio quello di dare una nuova vita a chi era attaccato con un filo alla speranza di guarire».
Come è stato lavorare con le telcamere in reparto?
«Innanzitutto è bene chiarire che non ci sono immagini di interventi o non adatte a tutti. Si parla, si spiega, si portano testimonianze. Sappiamo che il nostro contributo non è uno spettacolo, ma un aiuto a far conoscere meglio e di più un tema tanto delicato. Per questo la produzione di "Destini incrociati" è fatta in collaborazione con Aido, l'Associazione italiana donatori organi»

Destini incrociati, da lunedì 10, 22.45 - Foxlife

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo