logo san paolo
giovedì 28 ottobre 2021
 
Interviste
 

Wilbur Smith: il segreto del mio successo

17/11/2014  Lo scrittore che ha venduto più di 120 milioni di copie nel mondo parla del suo ultimo libro, "Il dio del deserto". E racconta che non potrebbe vivere senza scrivere.

Quando si vendono più di 120 milioni di copie in tutto il mondo con libri d’avventura, vuol dire che si è capito tutto dei gusti dei lettori. È il caso di Wilbur Smith, lo scrittore nato nello Zambia (ma allora, nel 1933, si chiamava ancora Rhodesia), che ha appena sfornato un altro volume capace di diventare in poche settimane il bestseller della stagione. Stavolta Smith è tornato all’antico Egitto, con Il Dio del deserto, in cui ripropone uno dei suoi personaggi più celebri, l’eunuco Taita.

A Wilbur Smith chiediamo perché è voluto tornare, a sette anni di distanza, all’antico Egitto e a Taita. «La storia di Taita è sempre nella mia mente. C’è voluto un po’ di tempo per lavorare al nuovo progetto ma ho tanti altri personaggi, altre storie, che attendono. Ogni personaggio ha un suo tempo e un suo luogo, perché penso al mio lavoro come a una specie di progetto in evoluzione continua».

Mi pare che Taita sia il suo personaggio preferito...
«Be’, questo potrebbe essere un po’ esagerato, ma mi sento molto legato a lui; è l’unico “io narrante” dei miei libri. Mi racconta la storia attraverso i suoi occhi e mi piace perché è un personaggio complesso: è stato evirato e, dunque, ha un modo di pensare differente da tutti».

Qual è il segreto per piacere ai lettori con una storia che si svolge in un passato lontano? «Penso che alcune persone possano farci “vivere” nel passato. Mi sono sempre piaciuti i libri di storia e credo di avere sviluppato una tecnica di scrittura tale da farmi sentire come se fossi presente proprio in quel particolare momento, quello che racconto. Questa è una delle qualità che fanno di una persona un romanziere. Non credo di essere l’unico, ma ho seguito l’esempio e ho studiato le tecniche di altri prima di me e ho imparato da loro. Non scrivo la Storia, scrivo storie di persone. Dopo tutto, gli uomini non sono cambiati molto in migliaia di anni».

Quali scrittori ammira di più?
«Mi piace scoprire nuovi giovani scrittori, come Conn Iggulden, Charles Christian, David Thomas, ed è sempre emozionante constatare quando un autore riesce a raccontare una bella storia con il tocco magico della scrittura. Ma se penso agli scrittori che ho letto da ragazzo, allora citerò H. Rider Haggard e John Steinbeck. Avevano proprio quel tocco di magia. Anche oggi ci sono nuovi scrittori che vogliono sfondare. Il mio cuore è con loro. Scrivere è un lavoro duro, ma se ci si riesce è il miglior modo di esistere a questo mondo».

I suoi romanzi piacciono ovunque e lei è uno degli autori più venduti. Cosa significa questo in termini di creatività? Si diventa una “macchina” che produce successo o resiste la libertà di scrivere solo se vengono le idee?

«Ho 82 anni e negli ultimi dieci, di tanto in tanto, ho avuto l’idea di smettere. Ho detto a mia moglie: “Penso di aver fatto abbastanza; ho intenzione di andare in pensione”. Lei mi ha guardato e mi ha detto: “Tu vuoi continuare a uno scrittore, scrivi. Se non scrivessi, morirei. Tutto ciò che si fa con passione non può finire se non assieme a quello che si fa. Mi piace scrivere e quando sto realizzando un nuovo libro provo un piacere unico nel suo genere».

Quanto tempo dedica alla scrittura?
«La settimana scorsa ho scritto dalle sei alle otto ore al giorno, compresala domenica».

Il piacere di leggere i suoi romanzi è lo stesso in tutto il mondo? Un lettore italiano e uno del Sudafrica apprezzano i suoi libri allo stesso modo?
«Dipende dalla traduzione, ma credoche al centro della storia vi sia la storia stessa. In genere scrivo di persone credibili che svolgono azioni credibili, anche se difficili o particolari. L’arte di un buono scrittore dovrebbe raggiungere i lettori in qualsiasi lingua».

L’Italia è un Paese che ha mostratomolto affetto per lei e Milano l’annoscorso le ha donato la cittadinanzaonoraria. Che rapporto ha con l’Italia?
«Adoro il vostro Paese! Amo gli italiani,così differenti dalla maggior parte degli europei. Se li si confronta con i tedeschi, per esempio, c’è una differenza netta. Amo le menti taglienti, il grande senso dell’umorismo che avete. Voi ridete facilmente e mi piace la libertà che esprimete. Una volta ho visto un ragazzo che camminava in strada cantando l’aria di un’opera ma nessuno lo notava. Mi piacciono il cibo e la musica italiana, così come la moda. In Italia misento a casa mia. Inoltre, avete il senso della storia e della cultura. In Inghilterra indossavano pelle di animale quandoi Romani erano già persone civilizzateche governavano il mondo».

Ha già iniziato a scrivere la prossima avventura?
«Sì. Ho due storie in cantiere. Perme la cosa importante non è la fine, ma l’inizio. Amo scrivere, per me non è un lavoro duro. A volte, quando finisco un libro mi sento triste, e allora sono subito impaziente di iniziare una nuova avventura. Però non mi piace parlare diquello che ho intenzione di fare. Preferisco presentarmi con un libro finito e poterdire “Questo è quanto, questa è lamia storia finita”».

Multimedia
43 citazioni di Wilbur Smith per raccontare la bellezza dell'Africa
Correlati
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%