Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 luglio 2024
 
 

Se il graffitaro diventa criminale

01/10/2013  A Milano due giovani writers sono stati condannati per il reato di associazione a delinquere. Un'imputazione sproporzionata o la giusta lezione per chi imbratta spazi pubblici, considerandosi un artista? Il dibattito è aperto.

Per la prima volta, in Italia, due writers - o graffitari, coloro che scrivono, con colori e bombolette spray, sui muri - sono stati condannati per un reato pesante: associazione a delinquere. I giudici di Milano hanno ritenuto che i due ragazzi, oggi ventenni, facessero parte di una vera e propria  associazione, il cui scopo era delinquere, appunto imbrattando, senza utorizzazione, muri, facciate, pareti... Dovranno scontare una condanna di 6 mesi e 20 giorni di reclusione. Entrambi i condannati si sono impegnati, come forma di risarcimento, a fare 400 ore a testa di lavori socialmente utili in centri per anziani, dove potranno anche insegnare a dipingere e disegnare.

Questa è la notizia, di qualche giorno fa. Accolta con giubilo dalla destra, con perplessità da altri. La questione da affrontare è la poporzione fra reato e pena: va considerato associazione a delinquere l'atto di scrivere sui muri? Non è eccessivo contestare questa fattispecie di reato a due ragazzi che hanno, sì, sporcato e deturpato la città, perlopiù in maniera sistematica, ma niente di più? Non sono in dubbio il cattivo gusto e la maleducazione di chi si arroga il diritto di sporcare una proprietà altrui o della comunità, ma il tipo di reato contestato. È ben diverso dare il proprio contributo artistico a un'opera collettiva, ad esempio in un luogo da riscattare al degrado e alla criminalità, come è accaduto ad esempio a Librino, in Sicilia, e deturpare abusivamente uno spazio che appartiene ad altri. Va tra l'altro ricordato che i protagonisti hanno ammesso la loro colpa e la loro responsabilità, impegnandosi appunto a risarcire la città lavorando nei servizi sociali.

Al di là della vicenda specifica, resta l'annoso dibattito su come qualificare l'attività dei writers: è una forma d'arte o con essa non ha nulla a che spartire? Ribadito, ancora una volta, che usare colori e bombolette a casa propria è una scelta personale, mentre sporcare un luogo altrui o pubblico non è lecito, resta da capire se questo linguaggio così amato da tanti giovani, almeno nelle sue espressioni più alte, rappresenti una forma d'arte.

Se volete, possiamo dirla anche così: Keith Haring è stato un artista o no?

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo