logo san paolo
giovedì 21 ottobre 2021
 
 

Zanzotto, il senso delle parole

18/10/2011  Ricordo del grande poeta veneto, scomparso oggi, all'età di 90 anni. Fece del linguaggio lo strumento per svelare il significato del mondo.

Andrea Zanzotto (1921-2011).
Andrea Zanzotto (1921-2011).

Aveva compiuto novant’anni il 10 ottobre, Andrea Zanzotto, nato a Pieve di Soligo nel 1921. Si è spento la mattina del 18 ottobre e con lui l’ultimo dei grandi vecchi della poesia italiana del Novecento. Stella polare della sua avventura intellettuale e poetica (da ricordare, come per tanti poeti novecenteschi, da Luzi a Pasolini a Raboni, anche il suo versante critico) è stata da sempre una terremotata, instabile, febbricitante esperienza del linguaggio.

Fin dal limpido e un poco spaesante esordio (quasi in odore di tardo ermetismo) di Dietro il paesaggio (1951), è chiaro che il poeta tratta del mondo sub specie linguistica e che le cose si fanno e si disfano al tocco dei nomi: cangianti, mobili, paludosi, semenzai di scoperte e di brillii. È il pullulare del linguaggio che dice il mondo – più che il mondo stesso – a interessare al poeta, già in quella raccolta tanto avanzato, oltre che nell’uso della retorica, nel maneggio dei significanti, dei suoni, delle suggestioni foniche: quelle che, dopo alcuni libri tra i suoi più alti e complessi (Elegia e altri versi, 1954; Vocativo, 1957; IX Ecloghe, 1962), occuperanno il campo da La beltà (1968) in poi, con il vitale e pur complesso contro-canto dei testi in dialetto.

Andrea Zanzotto con la moglie nella loro casa di Pieve di Soligo.
Andrea Zanzotto con la moglie nella loro casa di Pieve di Soligo.

Il codice linguistico diventerà auto-produttivo, proliferante, a tratti caotico: i suoi testi si faranno mappe, ingorghi di segni, esplosioni e implosioni di frammenti di linguaggi (è l’esperienza che prosegue nella trilogia costituita da Il Galateo in Bosco, 1978; Fosfeni, 1983 e, con recupero di trasparenza, Idioma, 1986: del resto anche nei punti più ardui il significato continua a prodursi, tra faglie storiche e letterarie in movimento e in attrito, come nel Galateo). La buona sorte critica dell’autore volle che anche la sua fase più anti-comunicativa fosse da subito accettata, glossata e storicizzata.

Per fortuna il suo “esistere psichicamente” (come suona il titolo di un testo di Vocativo) lo ha spinto ancora e sempre a sommuovere i campi della vitalità linguistica, il fondo verbale dell’immaginazione, senza assestarsi in una maniera puramente sperimentale. Così da una connaturata inquietudine, da un balbettio che ha qualcosa di vitalistico e di avventuroso, sono nati ancora testi ribollenti e sussurranti: quelli che punteggiano le raccolte ultime, da Meteo (1996) fino al recente Conglomerati (2009), all’unisono con mutazioni climatico-epocali.

Ripercorrendo la sua lunga carriera, un libro sull’orlo dell’esplosione sperimentale, tenacemente in equilibrio,
cui merita tornare a guardare, è certamente IX ecloghe: si rileggano da lì Per la finestra nuova («[…] O mia finestra, purezza inestinguibile. / Per farti spesi tutto ciò che avevo. / Ora, non lieto, in povertà completa, / ancora tutti i tuoi doni non gusto. // Ma tra poco / tutto mi darai quel che anelavo») e Così siamo («Dicevano, a Padova, “anch’io” / gli amici “l’ho conosciuto”. / E c’era il romorio d’un’acqua sporca / prossima, e d’una sporca fabbrica: / stupende nel silenzio […]») e si troverà, a un passo da più cerebrali invenzioni, il centro nevralgico di una poesia sospesa tra attesa e delusione, tra affermare e negare, tra senso e non senso.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%