Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
Autore

Visualizzazione dei contenuti di Francesco Belletti

Articolo

Divorzio breve, inspiegabile boom di ultra 65enni

27 agosto 2015

I dati estivi confermano che un divorzio su cinque è stato richiesto da coppie di persone con più di 65 anni. Sorprende che a quell'età una coppia voglia dividersi, ma forse il motivo più che relazionale potrebbe essere patrimoniale: rimanere sposati oggi in certi casi è svantaggioso dal punto di vista fiscale? Che ne dice l'Agenzia delle Entrate?
Secondo voi perché così tante coppie di 65 enni ricorrono al divorzio breve?

Articolo

E ora occhio alle unioni civili da noi

25 maggio 2015

Francesco Belletti presidente del Forum delle Associazioni familiari commenta l'esito del referendum in Irlanda: «non mi pare essere una conquista progressista, ma piuttosto la vittoria di una cultura che rende la nostra società sempre più individualista....» e indica tre questioni che potrebbero esserci utili per affrontare il dibattito.

Articolo

Un boicottaggio assurdo

16 marzo 2015

Questo il parere di Francesco Belletti, Presidente del Forum delle associazioni familiari, che denuncia la caccia alle streghe contro "chiunque osa dire libere parole su famiglia, paternità, maternità e diritti dei bambini".

Articolo

L'eterologa e la sapienza di Salomone

08 agosto 2014

È ciò che occorre per quei giudici chiamati a decidere sui gemelli contesi dalle due coppie: i genitori biologici e quelli che stanno portando avanti la gravidanza. Il re saggio premiò la madre che seppe "rinunciare al proprio diritto". Al primo posto, quindi, c'è il bene della vita generata, e non il proprio diritto di diventare genitore

Edicola San Paolo