Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
TeleMondiali Aggiornamenti rss Marco Deriu
Giornalista e docente di Teoria e tecnica dei media all'Università Cattolica

Brocchi a loro insaputa

Una goleada così in un Mondiale non si era mai vista, soprattutto perché 5 delle 7 reti che la Germania ha infilato nella rete del Brasile in semifinale sono state realizzate nel giro di una ventina di minuti o poco più. Si è visto quello che succede nelle partitelle in oratorio o in spiaggia, della serie “chi segna va in porta”.
Le modalità di esecuzione dei pedatori tedeschi e di ripresa delle telecamere a bordo campo sembravano raccontare un match domenicale fra scapoli e ammogliati, con i secondi nettamente superiori ai primi. Togliendo l’audio, pareva che i gol venissero segnati a gioco fermo, dopo che l’arbitro aveva interrotto il gioco fischiando qualche irregolarità. Invece a essere fermi erano i giocatori carioca, attoniti e allibiti nel vedere la loro difesa perforata come il burro.

Alla staticità in campo corrispondeva la fissità degli sguardi delle telecamere e la scarsissima propensione della regia al cambiamento del punto di vista.
Anche i primi piani sul foltissimo e straripante pubblico dei tifosi allo stadio erano più lunghi e insistiti del solito, puntati su volti sorpresi e tristi, in attesa di una reazione di orgoglio che – non essendosi verificata sul campo - non poteva esserci nemmeno sugli spalti.

Il commento dei telecronisti nostrani ha seguito l’andazzo della partita, considerandola chiusa dopo la seconda rete e archiviandola di fatto alla fine del primo tempo. Nella ripresa, la telecronaca classica azione-per-azione, secondo-per-secondo si è progressivamente trasformata nel freddo resoconto di un risultato clamoroso e nel tentativo di interpretare non solo le cause della disfatta ma anche le possibili conseguenze sociopolitiche di quella che in Brasile è vissuta come una vera e propria catastrofe sportiva.
Perfino Max Giusti e i suoi ospiti, nel sorridente e scanzonato salotto di “Maxinho do Brasil” su Rai Sport, hanno progressivamente alla loro abituale ironia graffiante, finendo per avere compassione degli 11 (stra)perdenti in campo, diventati improvvisamente tutti quanti brocchi a loro insaputa.

Se i commentatori fossero scesi in campo al fischio finale, probabilmente sarebbero corsi a dare ai giocatori brasiliani un abbraccio di solidarietà, ricambiando il gesto che a loro volta i carioca avevano tributato agli avversari cileni, battuti soltanto a prezzo di grande fatica e trattati con onore. Stavolta l’onore calcistico è stato latitante, come pure la capacità di reagire a una nazionale tedesca apparsa più quadrata e volitiva che mai.
Sbiadisce il giallo oro delle maglie carioca e di quella Coppa del mondo che molti fra i brasiliani (e non solo) consideravano già vinta. Restano le facce deluse dei giocatori, del pubblico e di un intero Paese che nel pallone ha sempre visto una possibilità di riscossa a tutto campo. Se ne riparlerà fra quattro anni.


09 luglio 2014

  • %A
 
Edicola San Paolo