Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
Le pagine belle dei Mondiali Aggiornamenti rss Carlo Nesti
Giornalista e scrittore

Darmian: l'asso dell'oratorio

A Rescaldina, in provincia di Milano, c’è un oratorio, dove si impara a pregare, e anche a giocare a calcio. Un tempo, era una situazione abituale, mentre oggi, quando ce ne sarebbe tanto bisogno, in un mondo secolarizzato, non più.
Uno degli ultimi assi, cresciuti in un oratorio, si chiama Matteo Darmian, la rivelazione azzurra dei Mondiali.
A 10 anni, furono in 4 di quel campo a essere provati dal Milan, e solo Matteo riuscì a convincere gli osservatori.
L’aspetto umano più bello della vicenda è che Darmian è rimasto in contatto continuo con gli altri 3 ragazzi.
Il primo lavora nel ramo manutenzione caldaie, il secondo studia ancora, e il terzo ha già una famiglia, con un figlio.

Sul piano sportivo, la ferocia agonistica di chi non si accontenta di partecipare, ma vuole vincere la Coppa del Mondo, ad ogni costo.
Sul piano sociale, la legittima rabbia di chi è consapevole di gigantesche risorse spese non per i bisognosi, ma per gli stadi.
In un contesto del genere, non è facile trovare pagine edificanti, soprattutto sul piano educativo, da raccontare, staccare e conservare.
Noi ci proviamo, stando attenti non solo all’andamento delle partite, ma anche al resto, giorno per giorno. Contribuite a questo diario, in caso di qualche lacuna, scrivendomi a info@carlonesti.it. Grazie!


15 giugno 2014

  • %A
 
Edicola San Paolo