Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
Libri mondiali Aggiornamenti rss Paolo Perazzolo
Responsabile del desk Cultura e spettacoli

La mente guida l'esoscheletro, ed è il gol più bello

Questa sera alle 22, ora italiana, non avrà inizio soltanto un grande evento sportivo e sociale: nascerà anche una nuova speranza, che coinvolge 25 milioni di persone che dipendono da una sedia a rotelle. A dare il calcio d'inizio ai Mondiali brasiliani sarà infatti un ragazzo paraplegico, grazie a un esoscheletro guidato direttamente dal suo pensiero. Una speranza per le persone che convivono con una disabilità, e anche un significativo trionfo della scienza.

«Abbiamo proposto al Governo brasiliano di inaugurare i Mondiali con una dimostrazione scientifica senza precedenti, invece che con la classica cerimonia di intrattenimento». A formulare la proposta era stato il neuro-scienziato Miguel Nicolelis, autore di Il cervello universale (Bollati Boringhieri), un notevole saggio che esplora con chiarezza la nuova frontiera delle connessioni tra uomini e computer.

Un team internazionale ha disegnato un esoscheletro, realizzato con una stampante 3D e controllato direttamente dalla mente, che darà al giovane la possibilità di calciare un pallone e inaugurare in questo modo magnifico la cerimonia d’apertura della festa sportiva. Le ossa e i muscoli dell’esoscheletro sono fatti di una lega di metalli leggeri e di pompe idrauliche, ma il cervello che lo guida è interamente umano: le onde cerebrali del giovane riescono a tradursi in movimenti. L’uomo muoverà le sue gambe robotiche col pensiero!

L’idea è partita proprio da Miguel Nicolelis, neuroscienziato brasiliano, ora alla Duke Univeristy, North Carolina, anima e ideatore del «Walk Again Project»: sarà uno degli otto pazienti paraplegici coinvolti nel suo progetto a dare il calcio d’inizio dei mondiali.

Stanotte, quando vedrete il ragazzo inaugurare i Mondiali con il movimento della sua gamba, tenete a mente che non solo sta cominciando la più grande festa sportiva del pianeta, ma che si sta celebrando anche la forza positiva della scienza, capace di dare speranza a milioni di persone disabili.

E quel calcio del ragazzo tetraplegico resterà - ci scommettiamo - come uno dei momenti più alti dell'avventura brasiliana.


12 giugno 2014

  • %A
 
Edicola San Paolo