logo san paolo
domenica 05 luglio 2020
 

La partita persa

Ciro Esposito
Ciro Esposito

Ciro Esposito è icona e vittima del male del calcio. Di carne e di sangue. Infinitamente più tragica e dolorosa è la sua partita persa rispetto a quella contro l’Uruguay.
E quella quasi coincidenza di date ci aiuta a rendere relativa l’esclusione dalla coppa, le polemiche che ne sono seguite, i fanghi, i commenti, le tattiche. Tutto tranne le prospettive. Perché non si può spiegare ogni cosa con le parole dei soloni del pallone che dicono che il mondo del calcio altro non è che lo specchio della società con tutte le sue contraddizioni e le sue declinazioni.
E poi la preoccupazione per un Paese che non ha memoria, che dimentica in fretta e che non si dà conto che le morti del calcio sono diventate litania. Perché Ciro non è il primo a finire esanime sull’asfalto del tragico paradosso di un tifo deforme. Ma tutti dobbiamo tenacemente pretendere che sia l’ultimo. E non basta la riorganizzazione della sicurezza dentro e fuori dagli stadi.

Né la sola responsabilizzazione delle società di calcio. Piuttosto è necessaria un’assunzione collettiva di responsabilità affinché il calcio torni ad essere uno sport. Il gioco del calcio.
La morte di Ciro deve diventare la morte del totem del calcio che chiede ciclicamente sacrifici umani. Un calcio che si fa estremismo politico, fondamentalismo religioso, motivo di vita e di morte non è più uno sport ma una sua tragica caricatura.

Così come diventa nel contempo una caricatura della politica, della fede e della vita. In questa deformazione la violenza non è un tragico errore, una situazione sfuggita di mano o un fenomeno imprevisto. È componente essenziale e costitutiva. Ad essa si inneggia e si incita come fosse una squadra in campo. Tutti dobbiamo avere il coraggio di dire che non si può andare avanti così. Ciascuno deve fare la propria parte. I tifosi veri, i prefetti, le società… ma anche i singoli cittadini. Tutti.

A cominciare dagli attori della giostra che hanno trasformato la corsa entusiasmante dietro a un pallone nella folle spirale senza fiato dei soldi. Un vortice di calciomercato e diritti televisivi, di pubblicità e scommesse, di interessi estranei e di ingaggi d’oro.

Alla fine Ciro Esposito è vittima anche di questo sistema-calcio. Ma anche Inghilterra, Spagna e Italia sono vittime della stessa mano che distrae dal gioco del calcio. Un sistema denunciato nei fatti proprio da Cesare Prandelli e troppo spesso lasciato solo in quella panchina.
Una dignità mostrata dalla mamma di Ciro che implora e scongiura perché nessuna violenza sia consumata in nome di suo figlio. Un appello che vale più di un’intera preparazione atletica perché se la partita è persa, cerchiamo almeno di salvare il campionato. Quello della vita del calcio.


07 luglio 2014

I vostri commenti
0
scrivi
  • %A
 
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%