logo san paolo
sabato 31 luglio 2021
 

19 agosto 2012 - XX domenica Tempo ordinario

Giovanni (6,51-58)

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno».

La liturgia della Parola riprende l’ultimo versetto del Vangelo della scorsa domenica e nella fede accoglie l’affermazione di Gesù: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo», il pane della vita.
Queste parole conducono il racconto di Giovanni al culmine della polemica dei giudei contro Gesù: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Non è solo una questione pratica: come è possibile che uno si lasci mangiare? Sappiamo che sarà possibile attraverso l’accettazione libera della morte di croce, quando Gesù sarà il vero agnello sacrificato e consumato nel banchetto pasquale. È anche una questione altamente simbolica perché fa riferimento alla vita dell’uomo, alla sua carne e al suo sangue, di cui Dio chiede conto a tutti perché di ogni vita è il Signore.

Ma proprio qui sta il vertice della misericordia di Dio, che in Gesù – dice san Paolo – «ha dato se stesso per noi», «si è umiliato fino alla morte e alla morte di croce, annientando sé stesso, lui che era Dio». Gesù che dà la vita non è un’immagine astratta o un modo di dire: è vicenda talmente concreta da riguardare la sua carne e il suo sangue, mangiabile e bevibile (e dunque vita sua in noi) sotto i segni del pane e del vino.

Per noi tutto questo è scontato, ma non dovrebbe esserlo. Nell’Eucaristia è infatti riposto il gesto più alto di ogni libertà umana e della stessa libertà divina, perché l’autentica libertà, giocata «nell’amore più grande», è quella di chi «dà la vita per i propri amici».
Nella mente dei giudei, che ascoltavano Gesù, non c’era solo un senso di ribrezzo per doversi nutrire della sua carne: le sue parole erano una vera e propria bestemmia, perché il sangue, la vita dell’uomo, era marcato da una sacralità intoccabile.
Come può essere, così come vuol farci credere, il Figlio di Dio e, allo stesso tempo, dire cose così orrende per la legge di Mosè? Ma proprio perché «sangue e carne insieme» sono vita Gesù ha scelto di darsi a noi così: niente di meno della vita stessa di Dio poteva liberare l’uomo dal peso della lontananza, a motivo del peccato, dalla fonte di ogni esistenza! Non c’era altro modo che quello dato nell’Eucaristia per poter tornare davvero nella casa del Padre, nel suo abbraccio misericordioso!

Possiamo intravvedere i perché di questo “gesto eucaristico” compiuto da Gesù. Il loro senso è spiegato dalla croce, strumento di morte per lui e di vita per noi; come tutto questo avvenga resta un mistero davanti al quale alzare le mani in segno, non tanto di resa, ma di adorazione riconoscente: lì c’è Gesù, così come era visibile agli apostoli, prima, durante e dopo la sua morte e risurrezione. È importante continuare a domandarci “come ha fatto?”... Sì, come ha potuto darsi così, per noi, poveri peccatori?


17 agosto 2012

Tag:
I vostri commenti
0
scrivi
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%