Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 21 maggio 2024
 

A chi serve la guerra tra i poveri?

Voglio tornare sul tema dei rom. La corruzione nazionale mi fa schifo, ma ciò non è un buon motivo per giustificare i loro furti. Non è vero che si contentano di un semplice portafoglio o di un po’ di cibo nei supermercati. Direbbe la stessa cosa se il portafoglio rubato fosse il suo, caro don Antonio? O se lì ci fossero i soldi per vivere tutto il mese? E perché non si mette nei panni dei commercianti che subiscono questa “spesa proletaria”? Lei dice che bisogna integrarli dando loro un lavoro, una casa e la scuola per i figli. Ma quanti italiani hanno le stesse opportunità? Eppure, non vanno a rubare, né schiavizzano i bambini costringendoli a chiedere l’elemosina. È giusto non colpevolizzare un’intera etnia, perché tra loro ci sono onesti e disonesti, ma non si può giustificare tutto.
UNA INSEGNANTE

Chi delinque va punito, chiunque esso sia. E non ci sono “zone franche” dalla legge o dove non hanno accesso le forze di polizia. Così come tutti hanno diritto al lavoro, alla casa e a una buona scuola. Contrapporre i poveri tra loro serve solo ad aizzare gli animi. Offre armi improprie all’ignobile propaganda di politici irresponsabili. Quanto al portafoglio, sì, una volta mi è stato rubato. Non è stato un rom, ma un giovane in giacca e cravatta.


07 maggio 2015

I vostri commenti
25

Stai visualizzando  dei 25 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo