Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 

Attenti al mal di montagna

Con le recenti nevicate saranno molti coloro che sceglieranno la montagna per poter finalmente fare una bella sciata. Se andate a sciare oltre 2000 metri prendete però tutte le precauzione per evitare il mal di montagna, sindrome ben nota a chi abita sulle Alpi, ma spesso invece sconosciuto a coloro che salgono per la prima volta ad alte quote.
In montagna la pressione atmosferica si riduce, rispetto al livello del mare, del 20% a 2000 m, 30% a 3500 m e 60% a 4000 m.
La minore pressione atmosferica provoca anche una corrispondente riduzione della concentrazione dell’ossigeno, il quale, dopo l’azoto, è il principale componente dell’aria.

Per sopperire alla carenza del vitale gas nell’aria il cuore deve aumentare i battiti onde incrementare la frequenza del respiro e, in tal modo, mantenere inalterata la quantità di ossigeno inspirata. Ma oltre 2500-3000 m di quota, la forte riduzione di ossigeno, può causare, specie sotto sforzi intensi e prolungati, il mal di montagna il quale si manifesta con mal di testa ( il sintomo più comune ), respiro accelerato, cianosi, vertigini, insonnia, brividi di freddo, nausea, vomito e prostrazione fisica.
Ne sono colpiti soprattutto coloro che vanno “troppo in alto troppo in fretta” (trasferimento in auto, elicottero, funivia,marce veloci).


15 gennaio 2013

 
Pubblicità
Edicola San Paolo