Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
Noi mamme Aggiornamenti rss Barbara Tamborini

Avventure all'aria aperta

Raccogliere piante spontanee commestibili può essere una semplice idee molto coinvolgente per tutta la famiglia.

Ortiche. Questa è la stagione delle ortiche. I bambini ne hanno il terrore e le mamme sanno cosa vuol dire consolare chi ne è venuto per sbaglio a contatto. Questa pianta però nasconde molte proprietà e sfidare le sue foglie può essere un’avventura intrigante per tutta la famiglia. Essa è infatti una delle piante con più proprietà medicinali. Inoltre si presta alla preparazione di molte ricette che lasceranno i vostri bambini increduli.

L’ortica cresce in grande quantità ai cigli delle strade e dei sentieri.
Scegliete un luogo dove raccoglierla evitando le aiuole frequentate dai cani e le strade trafficate. Per chi abita in una grande città può essere utile programmare una gita in campagna.
Munitevi tutti di guanti da giardinaggio o per i più piccoli possono andare bene anche i guanti da neve.
Indossate pantaloni lunghi e una felpa che copra le braccia e raccogliete le piante tagliando il gambo a una decina di centimetri da terra.
Ponete le piante in un cesto o in un sacchetto.
Dopo 12 ore dalla raccolta le piante perdono il loro potere urticante. Conservatele al fresco e poi fatevi aiutare dai bambini nel preparare gustose ricette: risotto alle ortiche, frittata di ortiche, torte salate… il più coraggioso potrà addentare per primo il gustoso manicaretto.

Asparagi selvatici. Quando ero bambina mia nonna mi portava spesso a raccogliere queste piante lungo il bordo della ferrovia. Io ero molto attenta nel cercare gli asparagi e quando me ne capitava in mano uno particolarmente grosso ero felicissima. Ricordo ancora lo squisito sapere della frittata che mia nonna mi preparava una volta tornate a casa. Ho portato più volte i miei figli a raccoglierli e anche loro sono stati entusiasti dell’esperienza. Di fronte alla frittata però solo 2 su 4 hanno mostrato apprezzamenti, gli altri si sono rifiutati di assaggiarla. Magari prima o poi si lasciano tentare!

E voi, cosa raccogliete quando fate un giro in campagna o nei boschi coi vostri figli? Avete ricordi particolarmente cari di esperienze di ricerche fatte quando eravate bambini? Ricette di cui conservate ancora il sapore? Buona settimana a tutti.

E buona festa delle mamma!


07 maggio 2012

 
Pubblicità
Edicola San Paolo