logo san paolo
giovedì 11 agosto 2022
 

Che ci fanno quegli attori su FC?

Leggo Famiglia Cristiana fin da quand’ero ragazzo. E ora di anni ne ho abbastanza. Sposato da più di cinquant’anni, anche nella mia nuova famiglia non è mai mancata Famiglia Cristiana. Ma da un po’ di tempo, io e mia moglie ci chiediamo: che ci stanno a fare su una rivista cattolica tutti quegli attori e quelle attrici che nulla hanno a che fare con la morale cattolica, ai quali dedicate servizi se non addirittura la copertina? E tutto ciò a scapito di altri interessanti argomenti, sempre più sacrificati. Per questi personaggi dello spettacolo, non bastano le innumerevoli riviste che intasano le edicole? È difficile, dopo tanti anni, abbandonare la vostra rivista, soprattutto a un’età in cui si diventa abitudinari, ma qualche problema me lo pongo. Non so quanto la mia segnalazione possa portare a un salutare cambiamento. A ogni modo, le assicuro la mia personale stima: leggo con molta utilità la sua posta.

UGO T.

Caro Ugo e consorte, ricambio la vostra stima con un ringraziamento sentito per la vostra fedeltà di lettori di antica data. Siete stati e siete la nostra forza, anche quando ci pungolate con osservazioni critiche. Famiglia Cristiana, come ben sapete, si occupa di tutto, e lo fa “cristianamente”, che vuol dire con una visione critica e positiva della vita. Non possiamo non interessarci di ciò di cui si parla in famiglia, compresi quei personaggi – spesso discussi – cui fate cenno, e che per molti giovani sono dei miti o dei modelli. Non siamo interessati al gossip e ai pettegolezzi, siamo cercatori di verità, in dialogo con tutti.


03 aprile 2014

I vostri commenti
13

Stai visualizzando  dei 13 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo