Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 

Chi accusa il Papa di cercare visibilità è in mala fede

Sono molto amareggiato per le parole “insultanti” verso il Papa di una prestigiosa firma del Corriere della Sera, che ha scritto: «II profitto non è lo sterco del diavolo, come predica, male, il Papa gesuita, pauperista, demagogo e vanesio alla perenne ricerca di visibilità mediatica». I “comunisti” non mi sono mai piaciuti quando erano arroganti nelle piazze e in Parlamento. Ma ora il vero pericolo sono i sostenitori di un capitalismo senza cuore, ex atei devoti per i quali la religione va bene fino a che non tocca i soldi, che sono sacri. Riconosco a Famiglia Cristiana, che leggo da quarant’anni, di non aver mai ceduto alla seduzione di tanti personaggi usi a difendere i valori cattolici, a patto che non si mettesse in discussione il “dio danaro” e il potere. Sempre pronti, questi signori, a insegnarvi come essere cristiani veri, talvolta – e spiace dirlo – col sostegno di qualche eccellenza che, in questi vent’anni, ha chiuso occhi e orecchie su tante malefatte e immoralità.

CESARE

Le parole del Papa mettono in crisi sistemi politici e logiche economiche che non hanno a fondamento il bene comune e la dignità della persona umana. Non si tratta di essere “pauperisti” o “populisti” per suscitare le simpatie delle folle, di cui papa Francesco non ha affatto bisogno e non cerca. Nella sua recente Esortazione apostolica, Evangelii gaudium, egli ha richiamato l’attenzione contro il «predominio del denaro», da molti considerato come «il vitello d’oro». E ha condannato «un’economia senza volto e senza scopo veramente umano». Chi difende l’autonomia assoluta dei mercati e delle speculazioni finanziarie, scrive ancora il Papa, «crea un mondo dove i guadagni di pochi crescono esponenzialmente e quelli della maggioranza si collocano sempre più distanti dal benessere della minoranza felice». Nessun pregiudizio verso i soldi. Anche lo “sterco del demonio” può essere un ottimo concime se usato per le opere di bene.


12 dicembre 2013

I vostri commenti
28

Stai visualizzando  dei 28 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo