logo san paolo
martedì 24 maggio 2022
 
TELE... COMANDO Aggiornamenti rss Marco Deriu
Giornalista e docente di Teoria e tecnica dei media all'Università Cattolica

Chi bestemmia non ha scuse

È andata in onda in diretta non una ma due volte la bestemmia che Tiberio Timperi ha pronunciato durante la puntata di “Uno Mattina in Famiglia” (Rai1) di sabato 18 ottobre. Impappinatosi presentando un ospite in studio, il – non “bravo” – presentatore ha sbattuto la mano sul tavolo e ha chiaramente pronunciato un’offesa contro la Madonna.
L’annuncio registrato, che doveva essere un “fuorionda”, invece di essere tagliato è stato trasmesso doppiamente. Dopo la frase del conduttore la Rai ha mandato in onda qualche minuto di “nero”, poi ha riproposto tutto lo spezzone – reiterando la malefatta – e solo al terzo tentativo ha proposto il lancio con l’annuncio corretto.

Subito dopo la bestemmia in diretta il Codacons ha chiesto che conduttore, autori e montatori del programma fossero “immediatamente sospesi dalle loro funzioni”, cogliendo l’occasione per proporre l’eliminazione del canone a fronte di un servizio pubblico incapace di rispettare i diritti degli spettatori. 
Nel pomeriggio di sabato il direttore di Rai1 Giancarlo Leone ha preso posizione sulla vicenda con un tweet in cui faceva riferimento a “deprecabili errori” durante la trasmissione e ha annunciato per il giorno successivo “le scuse di Rai1 in diretta”, oltre a una sanzione per il diretto interessato.

Nella puntata di domenica 19, Timperi ha effettivamente fatto ammenda con le seguenti parole: “Vi devo delle scuse perché è andata in onda, anche se sottovoce, una mia imprecazione della quale mi scuso, perché non fa parte del mio costume. Però è giusto che sappiate che si tratta di un incidente: faceva parte di una registrazione che non doveva andare in onda”.
Come “scuse” non sono un granché e lasciano molto a desiderare.
Se l’intento era quello di riparare a un comportamento
inqualificabile, non è in questo modo che ci si può autoassolvere. Fosse anche stata pronunciata “sottovoce” la bestemmia – di questo si è trattato, non di una imprecazione – è un torto grave. E non si può definire “incidente” una frase deliberatamente consapevole, che non vorremmo rientrasse nelle abitudini verbali del conduttore.
Il tentativo di addossare la colpa ai tecnici e alla regia, che non avrebbero dovuto trasmettere lo spezzone, è tanto goffo quanto pretestuoso
.

La Rai ha annunciato sanzioni, ma l’unica plausibile sarebbe (stata) quella di sospendere immediatamente Timperi dal programma.
Fino a qualche anno fa, quando la tv pubblica era “una cosa seria”, un simile episodio non avrebbe ammesso né giustificazioni né repliche. La
condanna sarebbe stata tempestiva e senza appello, anche da parte di un pubblico che oggi, invece, è fin troppo abituato al turpiloquio televisivo. E non solo a quello.



20 ottobre 2014

Discussione collegata
I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo