Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 

Coderdojo, la programmazione per gioco

Con l’aiuto di una speciale “palestra”, anche un bambino delle elementari può imparare in poche ore i meccanismi di un linguaggio di programmazione per il computer. Con la formula giusta, l’apprendimento diventa un gioco facile e divertente.
Sabato scorso ho avuto la fortuna di partecipare, con mio figlio di 9 anni, a una sessione di Coderdojo della mia città. Nata da alcuni anni, questa iniziativa internazionale si propone di insegnare gratuitamente la programmazione a bambini e adolescenti. Il nome deriva dall’unione delle parole “coder” – programmatore – e “dojo”  – il luogo dove si svolgono gli allenamenti nelle arti marziali.
Dopo aver effettuato in settimana l’iscrizione on-line (i posti sono limitati e spesso vanno a ruba), ci siamo presentati nella sede con un pc portatile e una merenda. Nel locale c’erano già una cinquantina di bambini (accompagnati ognuno da un genitore), già “carichi” e pronti per iniziare la lezione. A ogni gruppetto di allievi era assegnato un “mentor”, un istruttore, pronto a intervenire e spiegare il funzionamento di Scratch, un linguaggio di programmazione molto semplice.

In onore della Settimana del riciclo, che si era appena conclusa, i bambini hanno iniziato a utilizzare un giochino (“Il Mangiarifiuti”, costruito con il programma Scratch) nel quale un bidone doveva catturare dei rifiuti vaganti, evitando però di venire a contatto con dei frutti, mischiati agli oggetti da buttare, per non perdere punti. I mentor hanno iniziato a mostrare le istruzioni di codice per ottenere i movimenti dei vari personaggi del videogioco, invitando poi i bambini a effettuare piccole modifiche (il mio, furbetto, è partito a razzo ad aumentare la variabile del valore dei punti, per superare i punteggi del vicino!).
Dopo la pausa per la merenda, i mentor hanno invitato gli alunni a inventare un gioco o un’animazione partendo da zero. Rispetto ai primi linguaggi di programmazione, complessi e incomprensibili, Scratch è relativamente facile e le singole righe di istruzione si combinano come dei mattoncini colorati. Se spunta un problema, è sufficiente osservare la costruzione del comando assegnato, per capire l’errore ed è il bambino stesso a individuarlo. Fra le regole comunicate all’inizio del Coderdojo, c’era il tassativo divieto ai genitori di mettere le mani sulla tastiera del computer: solo i bambini erano autorizzati a farlo!
Strano vedere tanti bambini insieme così concentrati e divertiti. Per loro era un mondo affascinante da scoprire e, rispetto a quanto avviene solitamente quando usano applicazioni e videogiochi, per una volta hanno avuto la possibilità di diventare ideatori e protagonisti, non soltanto utilizzatori finali passivi.
Al termine della sessione, mio figlio è uscito molto soddisfatto e fiero. E io più di lui.

PS – Oltre a Milano, sono attivi Coderdojo anche a Bologna, Brescia, Catania, Novara, Parma, Pavia, Roma e Torino.


29 novembre 2013

 
Pubblicità
Edicola San Paolo