Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 16 luglio 2024
 

Come trovare la pace del cuore?

Nella festa di san Francesco di Paola si medita il Vangelo secondo Matteo al capitolo 11, a cui sono molto legato, dove Gesù ci dona alcuni suggerimenti chiave per essere veramente nella pace. Il brano inizia dicendo: “Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi e io vi ristorerò”.

Il primo suggerimento importante è: “Prendete un tempo con me di qualità”. La vera preghiera del cuore è questo tempo di qualità cuore a cuore con Dio. La vera preghiera del cuore dona pace e ristoro alla nostra anima. Tante volte ho fatto questa esperienza! Toppe volte invece cerchiamo pace nei luoghi e nelle situazioni che pace non ci donano, ma anzi ci inquinano il cuore. Ad esempio passiamo tanto tempo a scorrere il cellulare… Ecco, fermiamoci, prendiamoci del tempo per ascoltare, per pregare veramente e arriverà questa pace.

E poi ci sono altri suggerimenti per trovare ristoro. Gesù dice: “Prendete il mio giogo”. Il giogo nell'Antico Testamento, nel giudaismo, rappresenta la legge, sono le norme scritte e quelle orali. Gesù però dice “il mio giogo”. Il suo giogo significa non un’osservanza delle regole e delle leggi senza il cuore, ma vivere tutto alla luce del “comandamento nuovo”: “Amatevi come io vi ho amato”. Se amiamo come Gesù ci ha amato e se mettiamo il cuore nelle cose che facciamo, allora troviamo ristoro anche nelle cose difficili che accadono nella vita.

E poi altri due suggerimenti: “Troverete ristoro se imparate da me ad essere miti e umili di cuore”. In questo mondo dove vogliamo tutto e subito, Gesù ci ricorda invece che serve la mitezza e la pazienza che ci dona un vero ristoro nel cuore e nell'anima. La parola usata per dire “umili di cuore”, in greco si può tradurre anche con “semplicità di cuore” e “piccolezza”, ricorda i piccoli, i bambini come modello, non per essere immaturi, ma capaci della fiducia che un bambino ha quando sta in braccio a suo padre e a sua madre. Un bambino sa di essere protetto e sa che suo padre e sua madre ne sanno più di lui e si fidano. Ecco un altro consiglio: imparare a rapportarci con Dio sapendo che lui ci porta sempre in braccio anche nei momenti difficili; imparare a fidarci e ad affidarci in tutti i momenti che siamo chiamati ad affrontare. Così possiamo trovare la vera pace del cuore.


03 luglio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo