Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 21 giugno 2024
 
Le regole del gioco Aggiornamenti rss Elisa Chiari
Giornalista

Cara Asia, schierati con te contro odio e indifferenza

Cara Asia, mi permetto di darti del tu, perché potresti essermi figlia, e di scriverti pubblicamente in prima persona, cosa che nei giornali non si fa in genere. Ma in un blog è permesso. Lo faccio perché quando ho letto dei tuoi post travolti da messaggi violenti, ho avuto un attimo di smarrimento, ho pensato di chiudere il blog. Ho cominciato a dubitare che avesse ancora un senso intitolare un blog Le regole del gioco in una realtà, in cui ci sono persone (persone?) che, anonimamente e gratuitamente, si permettono di infierire sulla fatica di una giovanissima impegnata a guarire da una malattia impegnativa come la tua.

Sono comportamenti che negano ogni regola: morale, civile, semplicemente umana. Si resta senza parole per lo sgomento. Ma poi mi sono detta che il tuo video, la tua musica, la tua fatica quotidiana, meritano di meglio rispetto a un silenzio di resa. Dire qualcosa sulle regole a questa gente temo non serva a molto, non capirebbero. Però ci sono gli altri che devono decidere da che parte stare, se con loro o con te. Perché non ci si può specchiare stando in mezzo, perché schierarsi a volte fa parte del gioco della vita, per non finire perduti tra gli ignavi. È Liliana Segre, che di odio subito se ne intende, a dirci che l'indifferenza pesa quanto l'odio perché ne diventa complice, perché impedisce di isolarlo. A loro chiedo di seguire l’esempio della più alta carica dello Stato, il presidente Mattarella, che si è schierato per primo con te, e di rendere la tua immagine, la tua forza, il tuo video virali. Di sommergere chi semina odio con la tua voglia di vita. Non ti curar di lor, ma guarda e passa, Asietta. Resisti e torna presto a riveder le stelle.


18 maggio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo