Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
Le regole del gioco Aggiornamenti rss Elisa Chiari
Giornalista

Con Maria Novella e con l'articolo 21

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure”.

Questo tra le altre cose stabilisce l’articolo 21 della Costituzione italiana. Lo Stato di diritto si distingue dalla monarchia assoluta del re Sole, dalle dittature d’ogni colore e dal potere intimidatorio del don Rodrigo di turno, per il sistema di regole che prevede limiti al potere legittimo, in modo da arginarne le tentazioni di farsi assoluto e arbitrario: per dirla in parole che possa capire anche un cittadino di sette anni regole atte a impedire che chi viene regolarmente eletto possa dire: “ora che detengo il potere, cambio le regole e faccio come mi pare”. La stampa non soggetta ad autorizzazioni o a censure e il diritto di critica fanno parte di quegli argini.

Quale idea di Stato ha in testa chi invita a segnalare gli articoli dei giornalisti sgraditi? Qual è, visto che non è quella italiana attualmente in vigore (incompatibile con le liste di proscrizione), la Costituzione che sostiene di difendere?  


07 dicembre 2013

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo