Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
Diario da Auschwitz Aggiornamenti rss Noemi Giannelli
Studentessa del Liceo di Scienze Umane Alpi-Montale di Rutigliano (Bari)

Cosa ci portiamo a casa

I ragazzi delle scuole superiori della Puglia riuniti in un'aula dell'Università di Cracovia per condividere quanto hanno vissuto in questa intensa settimana.
I ragazzi delle scuole superiori della Puglia riuniti in un'aula dell'Università di Cracovia per condividere quanto hanno vissuto in questa intensa settimana.

Nell’ultima giornata di attività, il 16 gennaio, la tristezza si fa sentire. La giornata si apre con un’assemblea tra studenti e educatori. Tutti e cinquanta hanno raggiunto quel tipo di confidenza necessaria per stare rannicchiati insieme in una stanza da dodici. Abbiamo ripercorso tutto il viaggio e condiviso idee e opinioni, e soprattutto siamo giunti alla conclusione che faremo di tutto affinché eventi di questo genere possano non replicarsi.

Successivamente ci siamo spostati verso l’università di Cracovia, e lì ci siamo incontrati con gli altri gruppi partiti da Bari. Dopo un breve discorso di introduzione della presidentessa dell’associazione “Treno della memoria” della Puglia, Christel Antonazzo, i ragazzi che se la sentivano hanno esternato i propri  sentimenti, paure, ansie.

Ci siamo anche  ringraziati a vicenda per essere stati dei compagni di viaggio meravigliosi, nonostante molti di noi non si conoscessero fino ad una settimana fa: eravamo sempre tutti pronti ad aiutare gli altri e proprio per questo il viaggio è stato non solo un viaggio d’istruzione ma anche di amicizia.


17 gennaio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo