logo san paolo
lunedì 08 agosto 2022
 

Cremisan, così Israele si prende le terre

L'area in cui dovrebbe sorgere il nuovo tratto del Muro.
L'area in cui dovrebbe sorgere il nuovo tratto del Muro.

Pare rinviata alla prossima settimana la sentenza della Corte Suprema di Israele a proposito della contestata costruzione di un altro pezzo del Muro sui terreni di 58 famiglie palestinesi cristiane del villaggio di Beit Jala, alle porte di Betlemme. Il prolungamento del Muro, ovviamente, comporterebbe l'esproprio di circa 300 ettari di terreni (coltivati a olivi, grano e vite) e quindi un colpo forse mortale all'economia della comunità. Ma non solo: distruggerebbe di fatto anche l'insediamento salesiano di Cremisan.

Da oltre 150 anni, infatti, i religiosi pregano, coltivano la vite e vinificano su quelle colline, producendo il vino più antico e famoso della Terra Santa. Oggi i salesiani hanno un monastero maschile, un convento femminile, una scuola (costruita nel 1960, ha oggi 400 alunni) e le famose cantine. Se il Muro fosse costruito,  la scuola e il convento rimarrebbero sul lato palestinese, il monastero e le cantine su quello israeliano. Nello stesso tempo, le suore salesiane di Bei Jala, proprio come successe alle consorelle comboniane di Betania, vedrebbero il Muro correre nei loro terreni, perdendo circa il 70% della loro proprietà, mentre la scuola ricadrebbe in una zona a giurisdizione militare quasi completamente circondata dal Muro.

Le autorità di Israele avevano annunciato il progetto fin dal 2006, e da allora la questione è risalita fino alla Corte Suprema. Naturalmente la motivazione israeliana sta nelle solite "ragioni di sicurezza", che vengono usate per giustificare e coprire qualunque decisione. Nella realtà, si tratta dell'ennesimo esproprio di terre altrui (in questo caso nemmeno palestinesi, tra l'altro) per costringere i palestinesi in spazi sempre più ristretti ed economicamente meno sostenibili.

 Nel caso specifico, la vera ragione strategica sta nel fatto che, tagliando col Muro la valle di Cremisan, verrebbe tracciata una sorta di linea quasi continua tra gli insediamenti di Hilo e Har Gilo, un ulteriore passo avanti nel soffocamento dello spazio vitale dei palestinesi.  

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

30 gennaio 2014

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo