Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 16 luglio 2024
 

Lo Spirito di Dio ci chiama per nome per trasformare la nostra vita

Mt 10,1-7 - Mercoledì della XIV settimana del Tempo ordinario (10 luglio 2024) - 

Chiamati a sé i dodici discepoli, diede loro il potere di scacciare gli spiriti immondi e di guarire ogni sorta di malattie e d'infermità”.

Il potere della fede non è quello semplicemente di consolare chi crede come una sorta di surrogato psicologico. Il potere della fede è avere efficacia contro ogni manifestazione del male. Ma dobbiamo stare attenti a pensare che il male si manifesti nei modi teatrali a cui siamo abituati nei film horror. Il male si manifesta sempre in maniera subdola e ti accorgi che è lui perché imprigiona la vita, le impedisce di fiorire, rende impossibili le scelte, distrugge le relazioni, ti condanna alla solitudine, ti rende incapace di vera gioia.

Credere è poter vincere su tutto questo. Ma la fede è tale solo quando ci dà del tu: ecco perché nel Vangelo di oggi c’è tutto l’elenco dei nomi dei discepoli. Si crede veramente quando ci si sente interpellati in prima persona e non solo quando si aderisce a delle vaghe credenze in maniera generalizzata. Tu ti accorgi che il Signore ti sta cambiando la vita perché senti che tutto quello che dici, che preghi, che credi ti sta dando del tu, è rivolto esattamente a te. In quel momento ogni cosa diventa diversa, efficace, feconda. Dobbiamo quindi stare molto attenti quando ascoltando un annuncio del Vangelo, o leggendo un brano della Parola di Dio, o facendo qualunque altra cosa inerente la fede, abbiamo questa sensazione che ci fa dire “sembra che ce l’abbia proprio con me!”. È proprio in quel momento che lo Spirito sta agendo e ti sta chiamando per nome, e lo fa perché vuole cambiarti la vita.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


10 luglio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo