Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 21 giugno 2024
 

Amate a fondo perduto senza sperare niente in contraccambio

Mt 10,7-13 - San Barnaba Apostolo, Memoria (11 giugno 2024) - 

La pagina del Vangelo di Matteo ci segnala le caratteristiche del nostro essere cristiani: “Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni”. Che tradotto significa di cercare di farsi vicini a tutti coloro che per un motivo o per un altro sono in ostaggio del buio, del dolore, del male e proprio per questo si sentono più soli degli altri. Il regno è poter dire proprio a gente così: “il regno dei cieli è vicino!” Cioè: “non sei solo”. 

La seconda caratteristica è questa: “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date”, cioè non agite mai con secondi fini, anche se buoni. Amate a fondo perduto senza sperare niente in contraccambio nemmeno in frutti o risultati. Gesù ci ha amati così e noi dobbiamo amare nello stesso modo. “Non procuratevi oro né argento né denaro nelle vostre cinture, né sacca da viaggio, né due tuniche, né sandali, né bastone, perché chi lavora ha diritto al suo nutrimento”. Per vivere la fede non si ha bisogno delle stesse cose di cui il mondo sembra avere bisogno per compiere le sue imprese. Credere non è mai una questione di “strumenti” ma è totale affidamento a Colui che agisce senza bisogno di nessun aiuto umano.

Le più grandi opere di Dio si sono compiute senza intervento nostro. Maria ha concepito “senza conoscere uomo”. Cristo è Risorto senza la nostra collaborazione. Allo stesso modo chi crede sa che è abitato dalla Grazia di Dio a cui “nulla è impossibile”. Il problema è se ci crediamo o meno. 

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


10 giugno 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo