Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 23 giugno 2024
 

Si rende culto a Dio quando si agisce come Dio stesso agirebbe

Luca 6,6-11 - Lunedì della XXIII settimana del TO (11 settembre 2023) - 

La sinagoga è un posto sacro. Ma non basta trovarsi in un posto sacro per essere anche certi che in quel luogo si ragioni alla maniera di Dio.

L’episodio del Vangelo di oggi è un grande esame di coscienza per tutte le nostre chiese, le nostre comunità, i nostri ambienti. C’è un uomo che soffre, ed è messo al margine. Gesù entra nel giorno sacro del sabato e si accorge subito della sofferenza di quest’uomo. Gli altri invece sembrano non interessati a quella concreta situazione di sofferenza: “Gli scribi e i farisei lo osservavano per vedere se lo guariva di sabato, allo scopo di trovare un capo di accusa contro di lui”.

Gesù sa bene il loro modo di ragionare e compie un gesto che dovrebbe essere la base di ogni nostra conversione pastorale: «Alzati e mettiti nel mezzo!». Gesù riporta al centro le cose che contano e interroga i presenti su ciò che sia giusto: «Domando a voi: È lecito in giorno di sabato fare del bene o fare del male, salvare una vita o perderla?». In pratica sta dicendo: è più importante la sofferenza concreta di questa persona o i vostri schemi mentali e comunitari?

Lungi da Gesù maltrattare la tradizione del sabato perché in realtà la sta riconsegnando al suo vero significato. Infatti si rende culto a Dio quando si agisce come Dio stesso agirebbe. E a Dio stanno a cuore le persone, specie quelle che soffrono, e non se ne fa molto dei nostri schemi e delle nostre convinzioni, specie quando esse sono in diretta contraddizione del Vangelo anche se ammantate di sacro e di religioso.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


10 settembre 2023

 
Pubblicità
Edicola San Paolo