Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 luglio 2024
 

Credere significa svelare il buio del nostro cuore e lasciare che vi entri la luce

Mt 5,27-32 - Venerdì della X settimana del Tempo ordinario (14 giugno 2024) - 

“Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio; ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore”.

Letto così il Vangelo credo che non lasci scampo a nessuno. Ma questa richiesta di Gesù non è fatta per accrescere dei malati sensi di colpa ma per ricordarci che le questioni serie della nostra vita non riguardano innanzitutto la nostra apparenza, ma il nostro cuore. È lì che si decide davvero il nostro destino. Possiamo passare la vita salvando la faccia e tenere dentro di noi invece l’inferno. Credere e avere una vita di fede significa svelare proprio il buio del nostro cuore e lasciare che vi entri la luce.

In questo senso uno dei modi che abbiamo per capire cosa ci portiamo dentro sono proprio i nostri desideri. La grande domanda che il Vangelo di oggi ci fa è questa: noi siamo esternamente le stesse persone che siamo interiormente? Il dentro corrisponde al fuori? Se così non è allora significa che stiamo vivendo una grande e pericolosa divisione, una forma di ipocrisia che ci condurrà inesorabilmente a perderci. Bisogna mettere mani al proprio cuore e fare in modo che ciò che facciamo esternamente corrisponda a ciò che decidiamo internamente.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


13 giugno 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo