Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 

Chi crede dà la precedenza a Dio, chi non crede si accontenta dei miracoli

Gv 6,22-29 - Lunedì della III settimana di Pasqua (15 aprile 2024) - 

In verità, in verità vi dico, voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati”.

Le lapidarie parole di Gesù nel Vangelo di oggi ci ricordano una verità scomoda anche per noi. Si può credere in Dio perché ci si aspetta da Lui favori più o meno utili per la nostra vita, invece di credere in Lui per ciò che veramente è. Per fare un paragone potremmo dire che si può essere amici con qualcuno perché magari ha la macchina con cui possiamo uscire insieme il sabato sera, e non perché vogliamo veramente bene a lui. Nella fede può capitare lo stesso opportunismo e questo non ci conduce molto lontano. “Procuratevi non il cibo che perisce, ma quello che dura per la vita eterna, e che il Figlio dell'uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo”. Che tradotto significa, cercate di capire che esiste una cosa più grande delle grazie che chiedete, ed è il Datore di quelle grazie.

L’amico è più prezioso della sua macchina. “Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo fare per compiere le opere di Dio?». Gesù rispose: «Questa è l'opera di Dio: credere in colui che egli ha mandato»”. L’atto di credere non comporta necessariamente la ricerca di miracoli, ma la ricerca di una relazione con Dio che stravolge completamente la nostra vita. Esattamente come in piccolo capita quando nella vita ci capita di incontrare un vero amico. I veri amici valgono molto più di molti benefici. Chi crede dà la precedenza a Dio, chi non crede si accontenta dei miracoli.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


14 aprile 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo