Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 luglio 2024
 

"Amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste"

Mt 5,38-48 - Martedì della XI settimana del Tempo ordinario (18 giugno 2024) - 

“Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste”. C’è qualcosa contro natura che il Vangelo ci domanda. Infatti è nella nostra natura corrispondere a ciò che abbiamo di fronte a noi. Se incontriamo un nemico ci mettiamo sulla difensiva e non certo apriamo le braccia per abbracciarlo. Se ci capita a tiro uno che ci ha fatto del male ci viene da dargli una lezione, e non certamente una pacca sulla spalla.

Se mi chiedi di pregare per chi è causa della mia sofferenza io certamente pregherò che il Signore lo abbia il più velocemente in gloria. Ma Gesù insiste su una questione decisiva: voi siete figli di Dio, e Dio non si comporta come solitamente facciamo noi. Se crediamo di essere figli Suoi dobbiamo comportarci come Egli solitamente si comporta: “perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti”.

Vivere diversamente dagli altri non significa pensare di essere migliori o pensare di non avere le stesse fragilità, ma significa cercare di mettere in pratica la perfezione dell’amore, l’unica perfezione che ci viene richiesta. Dio non ci chiede di essere infallibili, ci chiede di ragionare e agire diversamente dal nostro solito: “Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste”.

Per vivere così bisogna ogni istante decidere da quale parte stare. Non è una logica spontanea, ma una logica faticosamente scelta di volta in volta. Però è questa la nostra carta d’identità.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


17 giugno 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo