Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 luglio 2024
 

Dio non abita le vetrine, ma la stanza segreta del cuore

Mt 6,1-6.16-18 - Mercoledì della XI settimana del Tempo ordinario (19 giugno 2024) - 

Guardatevi dal praticare le vostre buone opere davanti agli uomini per essere da loro ammirati, altrimenti non avrete ricompensa presso il Padre vostro che è nei cieli”.

Rinunciare alla logica dell’apparenza è un’altra grande rinuncia a cui ci sottopone il Vangelo. Vivere di apparenza significa far dipendere la nostra vita continuamente dallo sguardo dell’altro. Le cose assumono senso solo quando gli altri se ne accorgono e ci ammirano. Senza questo sguardo tutto ci sembra inutile e senza senso. Ma l’amore vero è sempre amore per ciò che molto spesso gli altri non vedono. È amare senza mettersi in mostra, è fare delle scelte che nascono dal cuore e non dalla strategia. Ecco perché Gesù parla di preghiera, elemosina e digiuno perché questi tre capisaldi della pratica religiosa possono essere vissuti come modi per mettersi in vetrina e dimostrare agli altri quanto siamo belli e bravi, o modi attraverso il quale ci esercitiamo a rinunciare a ogni tipo di apparenza per fare scelte che riguardano invece il segreto del nostro cuore.

Chi si esercita in questo modo non rimane destabilizzato quando la vita non gli corrisponde il riconoscimento dovuto, quando gli altri non gli danno il ringraziamento meritato, quando il mondo non gli consegna il nobel per l’amore. Dio non abita le vetrine, ma la stanza segreta del cuore. Bisogna imparare a vivere lì, e a sorridere molto quando ci accorgiamo di voler attirare l’attenzione su di noi in tutti modi possibili e immaginabili. Dobbiamo sorridere perché è così che si educa quel bambino che ci portiamo dentro e che muore dalla voglia di essere guardato da tutti. Sorridere e correggere, senza violenza su noi stessi ma con molta verità.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


18 giugno 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo