Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 

Nell’abbandono fiducioso si fa esperienza della pace

Mt 6,7-15 - Martedì della I settimana di Quaresima (20 febbraio 2024) - 

Pregando non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole”. È questa la raccomandazione che Gesù fa nel Vangelo di oggi come grande introduzione alla preghiera del Padre nostro. È infatti in questa mentalità sbagliata la radice di ogni male nella preghiera. I pagani sono convinti di poter gestire la divinità attraverso la performance della propria preghiera, come se l’amore di Dio fosse una merce da comprare o accaparrarsi in qualche modo. Gesù tenta di dire che ogni vero amore per essere tale deve essere gratuito, e senza condizioni. Ecco la buona notizia: Dio ci ama in maniera gratuita e senza condizioni. Chi prega si accosta a un amore così, e proprio accostandosi a un amore che ha queste caratteristiche è messo in condizione di cambiare la propria vita. In pratica dovremmo dire che non bisogna convertirsi per essere amati da Dio, ma che ci si può convertire solo e soltanto perché si è fatto esperienza di questo amore.

La preghiera del Padre nostro, quindi, è la preghiera che ci mette nella condizione della conversione perché ci posiziona davanti a Dio con l’unica postura possibile: l’essere figli. È cosi rivoluzionario chiamare Dio Padre, ma è ancora più rivoluzionario consegnarsi a Lui senza la preoccupazione di convincerlo a fare la nostra volontà. Rimettersi alla volontà di Dio non significa rinunciare alla nostra, ma essere convinti che quella di Dio è l’unico vero nostro affare. Chi più di Lui può sapere ciò che è meglio per noi? Ecco allora che nell’abbandono fiducioso si fa esperienza immediata di un dono che sembra mancare in questo nostro tempo: la pace.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


19 febbraio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo