Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 

Gesù è il Cristo, il Signore, il Figlio di Dio venuto a salvarci

Mt 16,13-23 - Cattedra di San Pietro Apostolo, Festa (22 febbraio 2024) - 

«Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente», dice Pietro a Gesù nel Vangelo di oggi, e ci aiuta a rispondere anche alla domanda sul significato della festa liturgica di oggi: la Cattedra di San Pietro. Qual è il ruolo di ogni Pietro (cioè di ogni Papa) della storia? Confermarci in questa semplice verità: Gesù è molto più di un maestro, di un profeta, di un esorcista, di un taumaturgo, di una brava persona, di uno straordinario predicatore, Gesù è il Cristo, il Signore, il Figlio di Dio venuto a salvarci.

Tutte le altre cose sono lodevoli ma non sono lo scopo della nostra fede. In questo senso lungo la storia continuamente situazioni e mentalità possono farci distrarre da questo essenziale. Pietro ha il ruolo di riportarci a questo essenziale di fondo. E fare questo significa sentire anche le parole con cui Gesù risponde alla professione di fede di Pietro: «Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l'hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli. E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».

La Chiesa si edifica quando c’è questa fede, altrimenti crolla. La Chiesa vince contro ogni attacco del male quando crede in questa fede, diversamente ne è contaminata. La Chiesa ha le chiavi, cioè la possibilità, di liberare, sciogliere, legare e donare appartenenza quando professa questa fede, diversamente può solo offrire parole alla maniera del mondo, e cioè offrire parole che non salvano. La festa di oggi ci ricorda come tutto cambia quando la fede è quella professata da Pietro nel Vangelo di oggi. Se invece Gesù non è il Cristo, il Figlio di Dio allora noi non abbiamo nulla di interessante da dire e da offrire.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


21 febbraio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo