Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 luglio 2024
 

San Giovanni Battista continua a predicare con un Vangelo fatto dono

Marco 6,17-29 - Martirio di San Giovanni Battista, Memoria (29 agosto 2023) - 

Il martirio di San Giovanni Battista non è una festa come le altre. Per qualcuno potrà essere un’occasione come un’altra per mettere in scena qualche buona sagra di paese, con magari l’aggiunta di una processione con banda. Ma sarebbe bello se ci fermassimo un’istante a dirci ad alta voce: “si può far festa in un giorno in cui si fa memoria di un morto ammazzato?”.

Il cristianesimo ci ha abituati a guardare con occhi diversi il martirio fino a quasi dimenticarci quanto possa essere paradossale mettere la parola festa accanto a un omicidio violento. Eppure è una festa, e lo è perché quando capitano certe tragedie ci sembra che i vincitori siano gli uccisori e i vinti gli uccisi, ma con il tempo ci si accorge che i veri vincitori sono quelli che sembra abbiano perso, e le vere vittime (di loro stessi innanzitutto) sono proprio gli assassini.

Erode, Erodiade, Salomè che fine avranno fatto? Saranno stati poi davvero felici dopo la morte del Battista? E i mafiosi che uccisero don Pino Puglisi saranno stati poi così soddisfatti negli anni successivi? Per non parlare di quei kamikaze che si fanno scoppiare durante qualche Natale in quei paesi dove i nostri fratelli soffrono ancora le persecuzioni più cruente, cosa c’avranno guadagnato, il paradiso?

Io nel paradiso di un dio che mi dice di uccidere non vorrei mai entrarci. E non ci saranno entrati neppure loro perché un dio così è troppo banale per essere vero, e solitamente la regia che c’è dietro certi delitti guarda caso non si sporca mai in prima persona. È facile fomentare un fragile perché compia stragi, ma è difficile dare la propria vita perché gli altri vivano. Gesù lo ha fatto, e con Lui una schiera immensa di altri martiri.

Oggi è la festa di un uomo così. È la festa di un morto ammazzato che rimane più vivo dei suoi persecutori sopravvissuti. Oggi è la festa di un testimone che continua a predicare con un Vangelo fatto dono. Oggi è la festa di un santo che ha letteralmente perso la testa per Dio.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


28 agosto 2023

 
Pubblicità
Edicola San Paolo