Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 16 giugno 2024
 

Tutto l’Essenziale che stiamo cercando ha un nome e un volto: è Gesù

Giovanni 14,6-14 - Santi Filippo e Giacomo, Festa (3 maggio 2023) - 

«Signore, mostraci il Padre e ci basta». Ha ragione Filippo a fare questa richiesta a Gesù. Conoscere il Padre è l’unica cosa che conta davvero. Il problema però sta nel fatto che Filippo domanda a Gesù una cosa che ha avuto sotto gli occhi per anni: “Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre. Come puoi dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me?”.

Tutto l’Essenziale che stiamo cercando ha un nome e un volto: è Gesù questo Essenziale. Anche quando non lo vediamo esplicitamente è Lui che è nascosto dietro l’uomo o la donna amata. È Lui nascosto negli occhi dei figli. È Lui che agisce nella gratuità degli amici. È Lui nascosto nella mansuetudine dei miti. È Lui che ci commuove dietro un tramonto, in una musica, o impastato di versi in una poesia.

Tutto l’Essenziale del mondo, è Gesù, perché come Egli stesso dice a Filippo: “Io sono nel Padre e il Padre è in me”. La Festa degli apostoli Filippo e Giacomo diventa allora l’occasione per domandare il dono di accorgerci di ciò che c’è sempre stato nella nostra vita ma non siamo mai riusciti a rendercene conto. E a partire da questa fede possiamo allora chiedere con fiducia qualunque cosa che possa farci aggrappare di più all’Essenziale della vita, e lo possiamo fare perché è Gesù a dircelo: “Qualunque cosa chiederete nel nome mio, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò”.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


02 maggio 2023

 
Pubblicità
Edicola San Paolo