Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 

Come avviene la vera evangelizzazione? Attraverso la parola degli amici

Gv 1,43-51 - Feria propria del 5 gennaio (5 gennaio 2024) - 

Come avviene la vera evangelizzazione? Attraverso la parola degli amici. È questo quello che ci racconta il Vangelo di oggi: la chiamata dei discepoli avviene attraverso un umanissimo passaparola in cui fratelli e amici si incoraggiano l’un l’altro a prendere sul serio Gesù: “Filippo incontrò Natanaèle e gli disse: «Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè nella Legge e i Profeti, Gesù, figlio di Giuseppe di Nazaret». Natanaèle esclamò: «Da Nazaret può mai venire qualcosa di buono?». Filippo gli rispose: «Vieni e vedi»”.

È così umano questo passaparola che anche i pregiudizi o gli spigoli caratteriali vengono fuori. E Gesù non è infastidito da tutto ciò, anzi proprio riguardo a Natanaele riesce a capire che questo suo essere fastidioso non nasce da un fare polemico ma dall’incapacità ad essere falso. Le persone che dicono ciò che pensano senza fingere altro, molto spesso sono considerate più problematiche. Gesù invece li considera stoffa buona per la sua missione.

È bello pensare che il cristianesimo non consiste nel fingere di essere altre persone da ciò che siamo, ma nell’imparare a splendere nella maniera più giusta rispetto proprio a ciò che siamo. Dio quando ci chiama non vuole altri se non noi. Se avesse voluto gente migliore avrebbe scelto direttamente questa gente. Ha preso noi, con i nostri pregi e i nostri difetti. Si tratta di non scoraggiarci davanti ai nostri difetti, né di montarsi la testa riguardo ai nostri pregi. È questo paziente lavorio che Egli suscita dentro di noi che ci fa cambiare non nel senso di diventare altro, ma nel senso di diventare più realmente noi stessi.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


04 gennaio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo