Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 

Il male può alloggiare anche in ambienti dove c'è fede e pratica religiosa

Mc 1,21b-28 - Martedì della I settimana del TO (9 gennaio 2024) - 

L’esorcismo raccontato nella pagina del Vangelo di Marco accade in un luogo che non può lasciarci indifferenti: la sinagoga. Verrebbe da pensare che il demonio non dovrebbe trovarsi in un luogo sacro, in un recinto dove si coltiva la teologia, la liturgia, la relazione con Dio. Ma il Vangelo ci dice espressamente che il male non si trova solo nei bassifondi delle nostre città dove delinquenza, droga, sfruttamento fanno da padroni. Il male può alloggiare comodamente anche in ambienti dove la fede e la pratica religiosa sembrano avere il posto d’onore.

Nessuno si scandalizzi, ma il demonio non ha problemi a lasciarci dire decine di rosari o a partecipare a innumerevoli messe. Il suo scopo è non far attecchire in noi il Vangelo e se per far questo deve ubriacarci di pratica religiosa allora egli ce ne darà ad oltranza. Il Vangelo, invece, quando è davvero ascoltato è sempre una rovina per la nostra mentalità mondana. Il Vangelo distrugge gli equilibri che ci creiamo da soli e forse anche in buona fede e che in realtà nascondono molta infelicità e la presunzione di salvarci da soli. Così può capitare che ti commuovi nel dire un’ave Maria, o nel cantare un canto particolarmente coinvolgente; Può capitare di intuire complessi ragionamenti che ti fanno fare piroette teologiche o dare il meglio di te nel curare fin nel più piccolo dettaglio la liturgia; O meglio ancora puoi militare nella Chiesa come la miglior guardia armata di valori e principi, e poi non essere disposto a perdonare il torto subito, a ribellarti alla Croce quando si presenta, a preferire l’orgoglio all’umiltà, a usare disprezzo invece di misericordia, a distruggere  tuo fratello con la calunnia o il parlar male.

Chi vive in questo modo percepisce il Vangelo come sale su una ferita. Per questo il demonio dice a Gesù: «Che c'entri con noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci! Io so chi tu sei: il santo di Dio». A cosa serve sapere che Gesù è il santo di Dio se poi non vogliamo lasciarci “rovinare” da Lui? Oggi dobbiamo smascherare il demonio ovunque esso si trovi.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


08 gennaio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo