logo san paolo
sabato 27 novembre 2021
 

È una società in cui ognuno pensa solo a se stesso

Siamo un Circolo Acli della Sardegna, e abbiamo letto il vostro articolo sui rom (FC n. 50/2014). Anche noi viviamo la stessa delusione in quanto abbiamo un corso di sartoria per rom con le stesse finalità e una “borsa lavoro” con fondi europei. I datori di lavoro, accampando diverse scuse, non li ricevono nei loro laboratori perché sono dei rom. Come Acli della provincia di Cagliari abbiamo presentato un progetto e attrezzato i nostri locali con adeguate attrezzature per ricevere quattordici corsiste. Concordiamo con lei per la discriminazione incontrollata: nessuno fa niente per superarla. E questi segnali di rifiuto verso i rom, purtroppo, avvengono anche nel mondo cattolico.
BRUNO

Gli esempi di discriminazione, non solo nei confronti dei rom, sono all’ordine del giorno, e sempre più numerosi. In una società che si chiude nell’orizzonte dell’individualismo, ognuno pensa solo a sé stesso, ignorando chi gli sta vicino. A maggior ragione se è uno straniero o un “diverso”. Fa male sentire che anche i cristiani, seguaci del Vangelo dell’amore e dell’accoglienza, accampino scuse e pretesti per “girare lo sguardo altrove” e non farsi carico delle sofferenze altrui. Siamo ben lontani dall’esempio del Buon Samaritano.


08 gennaio 2015

I vostri commenti
27

Stai visualizzando  dei 27 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo